TCE e EUPG, eccellenze italiane di Bridgestone che forgiano pneumatici | VIDEO

2257 0
2257 0

Bridgestone è un colosso mondiale del pneumatico. Il Gruppo giapponese storicamente duella con Michelin per il primato assoluto. Una certificazione di grandezza, che ha radici forti, fortissime in Italia.

Il TCE, Technical Center Europe, a Castel Romano e lo EUPG, European Proving Ground, a dieci chilometri da Aprilia, sono due eccellenze assolute di Bridgestone. Qui vengono letteralmente forgiati e testati i pneumatici per il Vecchio Continente, secondo canoni altissimi.

Bridgestone TCE

Due centri che rispecchiano gli obiettivi dell’azienda, nel suo progresso tecnologico.

Come ci introduce Mario di Domenico, Deputy R&D Head per Bridgestone EMIA (Europe, Russia, Medio Oriente, India, e Africa). “Per il 2030 è stata programmata la riduzione del 50% delle emissioni di CO2 rispetto al 2011,  e l’utilizzo di materiali riciclati o rinnovabili in media per il 40% degli pneumatici. Per il 2050 l’obiettivo è la neutralità carbonica e l’utilizzo del 100% di materiali sostenibili“.

Una sfida cruciale per un gruppo da 138.000 dipendenti nel mondo, in 150 paesi, dei quali 14.000 in Europa. Bridgestone investe 780 milioni l’anno in ricerca e sviluppo. Gli impianti sono 140.  Offrendo tutti i tipi di pneumatici, dalla bicicletta agli enormi VPRS.

Bridgestone Technical Center Europe – Castel Romano (Roma)

Il TCE

Sessanta anni di sviluppo. Nato per iniziativa di Firestone, noto Marchio americano entrato nel 1989 nel Gruppo Bridgestone.

Il TCE, sviluppato soprattutto all’inizio degli anni Duemila, rappresenta uno dei tre cardini della ricerca e sviluppo del Marchio, assieme ai Technical Center di Tokio in Giappone di Akron negli USA a 60 km da Cleveland.

Fare la gomma e testarla in giornata

Soluzioni sostenibili, sperimentazione, simulazione, preparazione di prototipi anche in giornata, che possono essere testati di fatto in tempo reale allo EUPG. Ricerca sui materiali, valutazione della qualità, verifica degli standard nelle regolazioni. Il nostro Digital Lab“. Queste le attività principali, spiega di Domenico.

Il Bridgestone Technical Center visto dall’alto

L’evoluzione è stata eccezionale. Dalla palazzina “Firestone” il complesso nei decenni è cresciuto. Ospita circa 580 impiegati, circa 405 al lavoro nella R&D. Di cui 271 nel core business e nel digital.

Una progressione costante. Nel 2005 la responsabilità per la customizzazione per l’Europa e il Sudafrica. Nel 2009 responsabilità per lo sviluppo nel Vecchio Continente degli equipaggiamenti originali. Nel 2013 ancora più autonomia, con sviluppo e per un pneumatico chiave come il Turanza 005.

Nel 2017 la responsabilità dei prodotti per i mercati do Africa, Medio Oriente e Russia. Nel 2019 anche l’India, poi le soluzioni digitali, come la mappa delle condizioni stradali città europee connettendo i taxi, e sempre maggiori responsabilità per i mercati. Le Bridgestone Mobility Solutions, rappresentano una continuia evoluzione nell’offerta digitale.

La massa di dati che arriva dai veicoli connessi, sensori pneumatici

Il tutto nell’impegno E8 Commitment, le otto “e”, Energy, Ecology, Efficiency, Extension, Economy, Emotion, Ease e Empowerment, ovvero i valori cardine per le strategie, i processi decisionali e l’impegno sostenibile  in ogni attività.

Il laboratorio chimico. Il primo passo nel concepimento del pneumatico. L’efficacia e la sinergia tra i materiali è essenziale.

Il plus del TCE

All’interno del Technical Center di Castel Romano, abbiamo visto e toccato con mano, l’eccellenza nello studio e nel concepimento dei materiali e dei pneumatici. Con simulazioni, test diretti indoor e outdoor.

Una concertazione che permette di valutare infinite variabili. Tenuta di strada, resistenza al rotolamento e quindi consumi più bassi, frenata, silenziosità, durata. Ogni elemento viene analizzato, nessun dettaglio resta inesplorato.

Come anche il Tire mounted sensor, il TMS, sistema di monitoraggio dei pneumatici, che nella sua evoluzione accompagna quella verso il self drive.

Al TCE viene prodotto il top. Si tratta di piccoli volumi, il grosso delle coperture viene assemblato in altri impianti. A Castel Romano c’è la crema: abbiamo visto ad esempio gli pneumatici di Ferrari Purosangue.

Bridgestone EUPG
Bridgestone EUPG

Lo EUPG, un centro speciale per Bridgestone

Una superficie di 144 ettari, 70 chilometri di piste, il nuovo tracciato, avanzatissimo, di wet handling (guida sul bagnato). Lo European Proving Ground di Bridgestone è frutto di investimenti costanti, che lo aggiornano allo stato dell’arte per valutare qualsiasi tipo di pneumatico.

Per 12 mesi l’anno: questo è un grande vantaggio, che infatti invita molti Costruttori, da Ferrari, ma anche ai big tedeschi e non solo a utilizzare questo centro con grande assiduità.

Sviluppo prodotto, affinamento, test di resistenzacertificazioni (accreditato ISO 17025), verifica consumi, l’EUPG permette una serie quasi infinita di valutazioni.

Con il massimo della tecnologia, con il Wi-Fi in motion, una specie di cupola sul centro, che permette di scambiare informazioni anche se si è a 200 km/h . Per avere il responso in tempo reale.

Bridgestone per i test con le temperature più rigide, specializzato su pneumatici, winter, all season e chiodati, utilizza un secondo centro in Svezia. Da dicembre a marzo.

Il centro offre tutti i servizi, dai box, a uffici, con la guardia medica sempre presente durante i test. La nuova pista da bagnato, irrorata da spruzzo laterale, ricicla l’acqua al 90% e dispone di un asfalto reaelizzato in collaborazione  l’Università di Pisa, con materiali selezionati e più resistenti all’usura.

Gabriele Squarcialupi, Responsabile Testing, ci racconta il Safety Management System:

Permette un controllo digitale e automatizzato delle piste dell’impianto. I collaudatori sono informati in tempo reale con avvisi mostrati su schermo attraverso cruscotti visivi e letti con messaggi vocali automatici che garantiscono concentrazione completa sulla guida”.

Un contesto di primo livello. E a breve termine sono attese altre novità. Tra le quali, un percorso di sterrato.

TCE e EUPG di Bridgestone, le foto

Ultima modifica: 31 Ottobre 2022

In questo articolo