Audi Avant, 40 anni di storia della station wagon dei Quattro Anelli

451 0
451 0

Audi Avant, le familiari della Casa dei Quattro anelli sono un riferimento da quarant’anni  Le belle station wagon si chiamano Avant”: lo slogan pubblicitario Audi coniato nel 1995 ha fatto scuola e rende omaggio a una delle configurazioni di carrozzeria più celebri nella storia del Brand.

Audi A4 Avant

A quattro decadi dal lancio della prima Avant, interpretazione Audi del tema station wagon, le famigliari dei quattro anelli si confermano modelli di grande successo: Audi A4 Avant, icona del Marchio, è la wagon più venduta in assoluto in Italia. Un gradimento cui contribuiscono in modo determinante la spiccata versatilità, il design muscolare, l’ampiezza del portfolio tecnologico, le varianti high performance e il valore residuo di riferimento.

Audi Avant, 40 anni di storia della station wagon dei Quattro Anelli - media-Audi 100 Avant C2 --- VGI U.O. Responsabile VA-5 Data di Creazione 24.08.2022 Classe 9.1_001
Audi 100 Avant C2 

Nel 1982, Audi lanciò la terza generazione dell’Audi 100, denominata Typ 44 o, più comunemente, C3. Un’auto riconosciuta sin dal debutto quale icona di design, in quanto anticipava gli stilemi delle future vetture dei quattro anelli. Alla struttura leggera realizzata in ampia parte in alluminio si accompagnava il coefficiente di resistenza aerodinamica (CX) di 0,30, straordinario per l’epoca. Audi 100 C3 venne proposta in due configurazioni di carrozzeria: berlina a quattro porte e Avant. Quest’ultima denominazione identificativa della variante famigliare. Da quel momento, tutte le station wagon Audi avrebbero condiviso la denominazione Avant. Fu uno straordinario successo commerciale, tanto che in Cina continuò a essere prodotta sino al 2002, e contrassegnò l’inizio dell’era Avant.

Audi 100 Avant C3

Audi 100 Avant C2: l’Avant che non era un’Avant

Audi 100 Avant C3 fu la prima “vera” Audi Avant, ma venne preceduta da un’Avant… che non era un’Avant. Nel 1977, infatti, la seconda generazione di Audi 100 (C2) venne declinata sì nella variante denominata “Avant”, ma si trattava di una configurazione di carrozzeria tipo fastback a 5 porte che, di fatto, anticipava le Audi Sportback che sarebbero arrivate oltre trent’anni dopo.

Ben più coerente con gli stilemi Avant il debutto della prima famigliare Audi di classe media, Audi 80 Avant (B4), lanciata nel 1992. Antenata dell’attuale Audi A4 Avant, Audi 80 Avant contribuì in modo determinante ad affermare le premiumness del Brand grazie a finiture curate e materiali all’avanguardia per l’epoca, a una conclamata affidabilità, a prestazioni brillanti e a un piacere di guida in linea con le versioni berlina.

Ebbe l’indubbio merito, specie nelle versioni più performanti, di scardinare definitivamente lo stereotipo della giardinetta quale auto esclusivamente da lavoro o quale paciosa vettura da famiglia.

Audi RS 2 Avant

Avant: l’origine della gamma RS

Se Audi 80 Avant aveva proiettato le station wagon Audi in una nuova dimensione, fu la sua derivazione sportiva, Audi RS 2 Avant, a scrivere un inedito capitolo della storia del Brand. Presentata nel 1994, fu il primo modello della gamma RS e al contempo inaugurò il segmento delle famigliari high performance. Dotata di un propulsore 5 cilindri turbo 20 valvole da 315 CV, un’architettura motoristica tuttora in uso, si avvaleva della trazione quattro con differenziale centrale autobloccante, sviluppata nelle competizioni e in special modo nei rally, che consentiva di scaricare a terra l’esuberanza del 5 cilindri di Ingolstadt.

Audi RS 2 Avant era la sintesi perfetta di quelli che sarebbero diventati i tratti distintivi della gamma Audi Sport: portava prestazioni, prestigio ed esclusività al limite di quanto tecnicamente ottenibile senza rinunciare alla fruibilità nell’utilizzo quotidiano. Caratteristiche condivise da due ulteriori pietre miliari Audi Sport quali le prime generazioni di Audi RS 4 Avant e Audi RS 6 Avant.

Audi RS 4 Avant, presentata nel 1999, si avvaleva di un possente V6 2.7 biturbo a 5 valvole per cilindro. Gli ingegneri di quella che, al tempo, si chiamava quattro GmbH, lavorarono sul propulsore per garantire una “fame di giri” e un’erogazione di coppia sconosciute all’unità di partenza. In collaborazione con la britannica Cosworth Technology, sino al 2004 affiliata di Audi AG, venne rivista la testata e furono ridisegnati i condotti di aspirazione e scarico. I turbocompressori, dalla portata maggiorata, garantirono una superiore pressione di sovralimentazione. Interventi che portarono a 380 i cavalli erogati dal V6.

Il vertice assoluto 

Non meno iconico il debutto, nel 2002, della prima serie di Audi RS 6, proposta nelle configurazioni Avant e berlina e successivamente evoluta attraverso vent’anni e quattro generazioni. Massima espressione del segmento high performance, sin dagli esordi ha abbinato alle prestazioni da supercar la fruibilità caratteristica delle berline e famigliari Audi. Elementi tecnici distintivi quali la trazione integrale quattro, i propulsori biturbo a V e il sistema Dynamic Ride Control per la compensazione idraulica di rollio e beccheggio hanno accompagnato il modello dall’unveiling sino ad oggi. Il V8 4.0 biturbo da 600 CV con tecnologia mild-hybrid appannaggio dell’attuale Audi RS 6 Avant C8 è espressione dell’evoluzione sostenibile della gamma Audi Sport.

Versatilità Avant: dal metano all’elettrificazione dell’offerta

Sin dagli albori, le famigliari dei quattro anelli abbinano la versatilità, abitabilità e capacità di carico caratteristiche della configurazione station wagon a un design dinamico e a una spiccata propensione all’innovazione. Non a caso è stata proprio Audi 100 Avant quattro, nel 1990 svelata al Salone di Ginevra nella configurazione prototipale “Duo”, a portare al debutto la prima applicazione Audi della tecnologia plug-in. Una soluzione tecnica che vedeva la trazione elettrica agire esclusivamente sull’assale posteriore e che costituiva un primo, embrionale, passo verso l’elettrificazione dell’offerta.

La versatilità della configurazione Avant è oggi sottolineata dall’ampiezza del portfolio tecnologico appannaggio delle station wagon dei quattro anelli. La famiglia Avant annovera a listino quattro sistemi propulsivi: TFSI e TDI con tecnologia mild-hybrid a 12 o 48 Volt, g-tron a metano, esclusiva di Audi A4 Avant, e plug-in. Quest’ultima configurazione riservata ad Audi A6 Avant.

Tanta duttilità è ulteriormente rimarcata dalla disponibilità di motori a 4, 6 e 8 cilindri con architetture in linea o a V e potenze da 136 a 600 CV, tre configurazioni di trazione – anteriore, integrale permanente quattro con differenziale centrale autobloccante e integrale quattro ultra – e due varianti di trasmissione: automatica a doppia frizione a sette rapporti o tiptronic con convertitore di coppia a 8 rapporti. Senza dimenticare, come accennato, le interpretazioni high performance Audi RS 4 Avant da 450 CV e Audi RS 6 Avant da 600 CV e le declinazioni allroad quattro caratterizzate dal look all terrain, dalla trazione integrale quattro di serie e dall’orientamento all’impiego anche su strade non asfaltate.

Audi A6 Avant e-tron concept

Avant e-tron: avanguardia elettrica

La propensione all’innovazione delle versioni Avant raggiunge l’apice guardando a un futuro prossimo, quando debutterà la variante di serie della concept Audi A6 Avant e-tron, espressione della svolta sostenibile dell’offerta dei quattro anelli. La show car si basa sulla piattaforma elettrica PPE e ribadisce l’eccellenza tecnologica del Brand grazie ad highlights quali la trazione integrale quattro elettrica, la potenza massima di 476 CV, la tensione nominale di 800 Volt, la ricarica in corrente continua (DC) con potenze sino a 270 kW – in 10 minuti è possibile rigenerare 300 chilometri di range – e l’autonomia sino a 700 chilometri WLTP.

Audi A6 Avant

Audi Avant in Italia: una storia di successo

La configurazione Avant vanta un feeling speciale con l’Italia. Da un lato trae la propria denominazione dal termine “avanti”, indice della costante propensione del Brand al progresso e all’innovazione, dall’altro può contare su di un eccezionale gradimento. Nel nostro Paese, le varianti Avant costituiscono il 95% dell’immatricolato della gamma Audi A4 e il 90% delle vendite di Audi A6.

Audi A6 Avant, nello specifico, si è confermata la famigliare di segmento E premium più venduta in Italia nel 2020, 2021 e 2022, mentre Audi A4 Avant, icona del Brand, nei primi sette mesi del 2022 non solo ha ribadito il primato – costante dal 2017 ad oggi – nel segmento delle station wagon D premium – può infatti contare su di una market share superiore al 40% – ma ha anche conquistato il titolo di best seller assoluta tra le famigliari, sopravanzando persino i modelli generalisti. Una leadership ribadita anche in ambito flotte: le aziende rappresentano oltre l’80% della Clientela tanto di Audi A4 Avant quanto di Audi A6 Avant.

Si segreti del boom

Il successo delle famigliari dei quattro anelli è basato, come accennato, su pilastri quali l’interpretazione dinamica ed emozionale del tema station wagon, tanto che sia Audi A4 Avant sia Audi A6 Avant possono contare su di una Clientela più giovane rispetto ai competitor, l’ampiezza del portfolio tecnologico e il valore residuo di riferimento.

L’elevato valore residuo delle Avant dei quattro anelli ha riflessi positivi anche sulle formule finanziarie dedicate. I Clienti Audi beneficiano della certezza nell’investimento, della trasparenza nelle spese di gestione e della flessibilità nelle condizioni. Ad Audi Value, il finanziamento più apprezzato dai Clienti Audi in quanto rende certo il valore a termine della propria Audi consentendo di contenere l’ammontare delle rate e di scegliere, alla fine del periodo contrattuale, se sostituire l’auto, riscattarla o restituirla, si affianca il noleggio a lungo termine. Noleggio che garantisce tutti i vantaggi di possedere una vettura senza sottostare agli oneri di gestione ed è opzionato da un Cliente su due della gamma Audi A6 e da due clienti su tre della famiglia Audi A4.

Audi 80 Avant

Leggi ora: Audi Q3, la prova di QN Motori

Ultima modifica: 25 agosto 2022

In questo articolo