RSE ed e-Mobility di FCA testano la Jeep Renegade 4xe

1715 0
1715 0

Continuano i test delle due Jeep Renegade 4xe da parte di RSE (Ricerca sul Sistema Energetico), la società per lo sviluppo di attività di ricerca nel settore elettro-energetico con particolare riferimento ai progetti strategici nazionali.

Leggi anche: l’inizio dei test

A poco più di quattro mesi dalla consegna delle due vetture effettuata al Mirafiori Motor Village di Torino, l’ente e-Mobility di FCA ha ricevuto i primi report dettagliati sulle funzionalità dei veicoli.

eep Renegade 4xe, test di approfondimento del plug-in hybrid
Jeep Renegade 4xe, test di approfondimento del plug-in hybrid

Da giugno, le due Jeep Renegade 4xe hanno percorso oltre 22 mila chilometri, una distanza sufficiente per valutare approfonditamente le caratteristiche tecniche e le prestazioni, sia nell’uso delle vetture sia in fase di ricarica. Del resto, lo scopo dell’accordo siglato tra FCA e RSE è raccogliere con accuratezza e il più velocemente possibile tutte le informazioni necessarie per migliorare ulteriormente le performance del nuovo modello Jeep.

Per ottenere il maggior numero di dati e informazioni, RSE ha avviato sulle due Renegade una serie di attività: le auto sono state utilizzate sia da un unico conducente sia come vetture di servizio, durante veri e propri “tour” consecutivi di missioni.

Inoltre, sono stati preparati alcuni questionari di gradimento rivolti a chi ha utilizzato le vetture: in questo modo i conducenti hanno potuto giudicare le prestazioni delle due vetture, mettendone in risalto sia le caratteristiche del progetto (in particolare agilità, precisione delle traiettorie e coppia) sia quelle altrettanto positive legate alla ricarica. I report di RSE mettono in evidenza che la parte “elettrica” riveste un ruolo fondamentale nella gestione dell’auto, fattore percepito sia in fase di guida sia di ricarica, che avviene a potenze più elevate di altri veicoli ibridi plug-in analoghi. Un dettaglio, questo, messo in evidenza da tutti gli utilizzatori.

La società nei prossimi mesi procederà con l’elettrificazione della propria flotta e potrà far tesoro dell’esperienza con le due Jeep, guidate in questi mesi lungo tutta la rete stradale italiana, dalle valli alpine alle coste siciliane.

Le prove termineranno a dicembre, quando l’ente e-Mobility di FCA disporrà di tutte le analisi tecniche fornite da RSE. Un focus particolare sarà rivolto ai consumi delle due auto, testate in modalità differenti su percorsi ripetibili “medio-lunghi” (con partenze a vari livelli di carica delle batterie e guidate in modalità ibrida o esclusivamente termica) e “brevi”, con la valutazione di fattori diversi come l’autonomia in elettrico, la sua variazione a seconda del tragitto, le condizioni climatiche e il carico del veicolo, oltre alla possibilità di utilizzo con il serbatoio del carburante vuoto.

Roberto Di Stefano, Head of EMEA e-Mobility
Roberto Di Stefano

Le parole di Roberto Di Stefano, responsabile dell’ente e-Mobility per la regione EMEA di FCA

Questa prima fase della collaborazione con RSE ci ha confermato la bontà della nostra partnership. In questi mesi abbiamo già raccolto un’enorme quantità di informazioni, per cui altrimenti avremmo dovuto attendere molto più tempo. In questo modo, invece, conosciamo già nel dettaglio tutte le caratteristiche della nuova Jeep Renegade 4xe e l’uso migliore che ne potranno fare i nostri clienti”.

Le parole di Michele Benini, direttore del Dipartimento Sviluppo Sistemi Energetici di RSE

Nel test drive di oltre 12 mila chilometri finora effettuato ho rilevato l’elevata efficienza della Jeep Renegade 4xe, anche grazie al supporto fornito dal motore elettrico in accelerazione e al recupero di energia in decelerazione. In quest’ultima fase la necessità di utilizzare il freno è ridotta al minimo, consentendo di guidare con una confortevole modalità one pedal driving”.

Leggi anche: Jeep 4xe, la prova di QN Motori di Renegade e Compass

Ultima modifica: 5 Novembre 2020