Il Ministro Giovannini “Auto, avanti tutta sull’elettrico, senza rimpianti. Idrogeno e biocarburanti solo su navi o aerei”

361 0
361 0

L’elettrico è l’investimento di cui non ci pentiremo. Le altre tecnologie potranno essere utilizzate nei settori non elettrificabili. Abbiamo escluso le imprese dagli incentivi auto in quanto le imprese già oggi acquistano veicoli ibridi ed elettrici, per seguire politiche di sostenibilità e quindi non necessitavano di sostegni”.

Sono queste le principali dichiarazioni rilasciate oggi dal Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini durante un’intervista rilasciata nel corso degli Electric Days, l’evento phygital promosso da Motor1.com e InsideEVs.it al MAXXI a Roma.

In apertura Giovannini ha evidenziato come “A oggi non prevediamo di chiedere alcun sacrificio agli italiani. L’economia italiana continua a crescere, nonostante le difficoltà. Il Governo sta lavorando per rafforzare l’autonomia del nostro Paese sul fronte delle forniture del gas. La Guerra è arrivata nel momento in cui l’Italia è impegnata nel mettere a terra il PNRR. E questo aumento dei prezzi e l’indisponibilità delle materie prime mettono a dura prova il sistema produttivo. Su tutti il settore delle costruzioni, elemento chiave per l’attuazione del Piano”.

“Non va rallentato il percorso avviato che ci renderà meno dipendenti dagli altri Paesi. E adeguerà le nostre infrastrutture rendendo il Paese più resiliente a eventuali futuri shock. D’altro lato le persone già stanno pagando la crisi. Oggi, complice anche l’allentamento delle misure restrittive, è evidente la forte accelerazione nell’uso dei mezzi pubblici, anche a causa del rincaro dei carburanti”.

Spazio poi al tema della mobilità locale

Oggi stanno partendo investimenti in tecnologie digitali per rendere il trasporto locale più efficace e sostenibile. Negli ultimi due mesi le attività di sharing mobility hanno subito un balzo in avanti del 30% rispetto allo scorso anno. Queste forme di mobilità vanno estese anche a città di medie dimensioni. Soprattutto in una fase come quella attuale in cui anche la diffusione dello smart working sta ridefinendo i consumi di mobilità”.

Giovannini si è poi soffermato sul tema elettrificazione: “Oggi è tempo di scelte. La via maestra è l’elettrico, è un investimento di cui non ci pentiremo. Anche per le moto e i veicoli commerciali leggeri. L’idrogeno e i biocombustibili possono essere utilizzati in settori del mondo dei trasporti in cui l’alternativa elettrica non è perseguibile. In parallelo vanno fatte evolvere le infrastrutture, stradali e condominiali, di ricarica. Senza questo passaggio si rischia di vanificare lo sforzo effettuato con gli incentivi. Stiamo lavorando per rafforzare e accelerare il sistema di ricarica (anche per i veicoli pesanti) sulle nostre autostrade. Per questo abbiamo incontrato i concessionari della rete. Con cui abbiamo anche definito una strategia per evitare i cantieri nei mesi estivi”.

Il focus si è poi spostato sugli incentivi

Per raggiungere le fasce di popolazione che oggi non riescono ad accedere, per questioni economiche, alle nuove vetture elettriche dobbiamo sostenere anche il futuro mercato dell’usato degli e-vehicles che potranno essere alla portata di tutti. Abbiamo escluso le imprese dagli incentivi in quanto queste già stanno andando in quella direzione, per seguire politiche di sostenibilità. Abbiamo quindi evitato di incentivare acquisti che le imprese avrebbero già effettuato”.

Ultima modifica: 22 aprile 2022