Mazda con Toyota, Suzuki e Subaru per i bio-carburanti

555 0
555 0

Mazda diventa membro della Research Association of Biomass Innovation for Next Generation. L’associazione è stata dondato il 1° luglio 2022 da ENEOS, Suzuki, Subaru, Daihatsu, Toyota e Toyota Tsusho. L’ingresso del ;archio di Hiroshima, porta così a sette il numero totale delle aziende partecipanti.

La Research Association promuove la ricerca tecnologica sull’uso della biomassa e la produzione efficiente di bioetanolo per automobili, con l’obiettivo di realizzare una società a zero emissioni.

Il 25 ottobre 2022 la Research Association ha concluso con Okuma Town, nella prefettura di Fukushima, un accordo di base per la creazione di nuove strutture commerciali e ha avviato iniziative volte a risolvere tempestivamente e in modo appropriato le sfide affrontate dalla comunità.

La ricerca sul miglioramento della tecnologia di produzione del carburante a bioetanolo e sull’utilizzo della CO2 generata durante tale processo, coincide con l’idea promossa da Mazda di fornire più opzioni con la sua strategia multi-solution per raggiungere la neutralità al carbonio; questa sincronicità ha pertanto portato Mazda a compiere il passo di entrare a far parte della Research Association.

Le parole di Hiroyuki Yamashita, Senior Principal Engineer responsabile della ricerca tecnologica in Mazda:

Siamo molto onorati di aver ricevuto questo invito dalla Research Association of Biomass Innovation for Next Generation Automobile Fuels. Attraverso la Research Association lavoreremo insieme alle altre aziende associate per promuovere la ricerca e lo sviluppo della tecnologia di produzione del bioetanolo e di altre tecnologie. Faremo ogni sforzo per aumentare il potenziale dei combustibili a emissioni zero, un’opzione promettente per raggiungere una società a emissioni zero”.

Inoltre, Koichi Nakata, Presidente del Consiglio di Amministrazione della Research Association of Biomass Innovation for Next Generation Automobile Fuels, ha dichiarato: “I carburanti a emissioni zero sono un’opzione energetica leader per realizzare una società con neutralità al carbonio. Siamo lieti che Mazda, che ha consolidato una notevole conoscenza e tecnologia relativa ai carburanti a zero emissioni, sia diventata il nostro nuovo partner. La Research Association promuoverà ulteriormente la ricerca sulla tecnologia di produzione del bioetanolo e sull’uso della CO2 generata durante tale processo”.

Leggi ora: la spider Mazda MX-5 percorre 1000 miglia a impatto zero

In Europa Mazda è membro della eFuel Alliance dal 2021. L’Alleanza riunisce organizzazioni e parti interessate che sostengono l’obiettivo di stabilire e promuovere gli e-fuel e l’idrogeno a emissioni zero come contributo credibile e reale alla riduzione delle emissioni nel settore dei trasporti.

Mazda e le due vie

Mazda sostiene che l’effettiva riduzione delle emissioni di CO2 dovrebbe essere raggiunta mediante due approcci complementari: in primo luogo, l’adozione di veicoli completamente elettrici per sostituire i veicoli con motore a combustione e, in secondo luogo, sostituendo progressivamente i combustibili fossili con combustibili a emissioni zero sia nei motori a combustione interna esistenti sia in quelli elettrificati.

Leggi ora: Mazda e il biodiesel

Ultima modifica: 30 Marzo 2023