Pininfarina H600, ammiraglia ibrida da 1000 km di autonomia e da 800 cv

4544 0
4544 0

La Pininfarina H600, concept di berlina di lusso a propulsione ibrida nato dalla collaborazione tra Hybrid Kinetic Group e Pininfarina, potrebbe diventare una credibile concorrente per la Tesla Modesl S.

La berlina sportiva di lusso rientra negli archetipi innovativi creati da Pininfarina. La H600 esibisce l’armonia delle proporzioni, le linee tese e le superfici fluide, il segno netto che percorre tutta la fiancata e ne valorizza il dinamismo, l’attenzione al dettaglio.

Pininfarina ha interpretato le aspettative di HK dal punto di vista dell’identità di brand e dei trend in fatto di percezione sensoriale, mentre HK ha sviluppato un nuovo gruppo motopropulsore ecosostenibile che non richiede dispositivi esterni di ricarica per conseguire il risparmio energetico e non obbliga i clienti a cambiare le proprie abitudini di guida o a preoccuparsi di cercare la stazione di ricarica più vicina.

La H600 è la soluzione ideale ai moderni imperativi della mobilità sostenibile, in un formale equilibrio tra eleganza e estetica all’avanguardia che esprime al meglio i concetti di lusso ed esclusività.

Due le parole chiave di partenza: lusso e internazionalità. La H600 è pensata per il businessman attento ai dettagli, ai materiali pregiati e all’esclusività dei trattamenti, che trae soddisfazione dalla perfezione e dall’eleganza. L’approccio internazionale e cosmopolita esprime valori riconosciuti tanto a Hong Kong quanto a New York o a Milano.

Il linguaggio formale identificato, di chiara impronta Pininfarina, è dunque puro, fluido, sensuale, caratterizzato da superfici evolutive, morbide, e da poche linee dinamiche ed espressive che ne rinforzano il carattere e conferiscono la giusta tensione.

I segni sulla carrozzeria color grigio caldo metallizzato valorizzano i giochi di luce e mettono in evidenza alcuni dettagli incastonati quasi fossero gioielli, come gli inserti in alluminio lucidato che dal cofano corrono lungo la linea di cintura e si avvolgono alla zona arretrata, enfatizzando una qualità di finizione tipica del segmento premium. Anche la fanaleria posteriore è una striscia luminosa che si irradia in modo progressivo dal logo verso l’esterno.

La finestratura sul padiglione è interpretata con l’intenzione di garantire un sofisticato equilibrio tra la necessità di proteggere gli occupanti e la possibilità di far penetrare la luce e vedere all’esterno senza essere esposti. Di notte, la finestra diventa un oblò luminoso che fornisce illuminazione artificiale all’abitacolo. Anche questo elemento chiave si ritroverà su tutta la gamma.

Gli interni della H600 sono impostati come una lounge, uno spazio aperto che regala molto confort al passeggero posteriore grazie ad uno spazio ed un’abitabilità superiori a modelli dello stesso segmento. Le superfici coperte da materiali nobili come la pelle naturale presentano qualità formali e finiture da haute couture, con cuciture color rame in contrasto con il color cacao degli interni.

L’esteso utilizzo del legno impiallacciato per le scocche dei sedili ed il pianale, inoltre, rimanda alla tradizione dell’ebanisteria, con un uso sapiente delle venature. Ad impreziosire gli interni, dettagli come l’orologio incastonato nella plancia, sospeso sotto la palpebra centrale. Anche l’orologio caratterizzerà tutta la gamma.

Le luci d’ambiente interne sono espresse da bande luminose bianche che creano luce soffusa e definiscono in modo naturale e piacevole lo spazio in cui si è immersi, donando una sensazione di confort psicologico.

Il design massimizza la semplicità dei comandi. Le Human Machine Interface all’interno dell’auto sono ripartite a vari livelli, con un grande schermo trasversale che attraversa la plancia ricordando un mobile sospeso. Risultano così ben identificate la zona conducente con informazioni su controllo e guida e la zona confort per il passeggero con l’infotainment.

Al centro, un grande pad tattile da cui è possibile controllare tutte le funzioni dell’automobile. Due schermi sistemati dietro ai sedili anteriori garantiscono intrattenimento anche ai passeggeri posteriori.

La tecnologia di avanguardia messa a punto da HK per il sistema di trazione, con batteria, motori elettrici, centralina di controllo e range extender, è l’altro aspetto decisivo per far sì che la H600 si imponga sulla concorrenza. L’autonomia non è più un problema: grazie al range extender HK con generatore di corrente a microturbina e la batteria HK, la H600 vanta un chilometraggio e un’autonomia senza pari.

Geneva International Motor Show 2017 – GIMS 2017 – Palexpo

Il range extender HK con generatore di corrente a microturbina è in grado di fornire corrente al motore e alla batteria in qualsiasi momento, ovunque, senza bisogno di stazioni di ricarica e connessioni alla rete elettrica. A differenza dei normali veicoli alimentati con le nuove energie, la H600 è dotata di un sistema di riciclo dell’energia che consente un notevole incremento dell’efficienza energetica e contribuisce a realizzare gli obiettivi legati alla sostenibilità.

La H600 segna una svolta nel campo della tecnologia e del marketing, aprendo nuovi orizzonti e infinite prospettive per il settore in grande espansione dei veicoli alimentati con le nuove energie.

CARATTERISTICHE TECNICHE

• Lunghezza massima:………………………………………………… 5200 mm

• Larghezza massima………………………………………………….. 2000 mm

• Altezza massima………………………………………………………. 1494 mm

• Volume bagagliaio:……………………………………………………. 500 Litri

• Configurazione trasmissione:…………………Trazione integrale con Torque Vectoring

* Propulsione: motori indipendenti a magneti permanenti con microturbina range extended

• Package:………………………………………………………….. 4 porte, 4/5 posti

• Telaio: …………………………………….. ……………………. alluminio

• Peso in ordine di marcia:……………………………………………….. 1870 Kg

• Velocità massima:…………………………….……………………….. 250 Km/h

• Accelerazione da 0 a 100:……………………………………………… 2,9 sec

• Potenza massima dei motori elettrici……………………………………. Oltre 600 kW

• Autonomia ciclo misto NEDC – modalità range extended……… Oltre 1000 Km

• Ripartizione pesi ………………………………………………………. ant52%/post48%

• Diametro di sterzata………………………………………………………… 6,1 m

Ultima modifica: 6 Febbraio 2018