eAxle di Bosch regala più autonomia per le auto elettriche

10158 0
10158 0

eAxle di Bosch regala più autonomia per le auto elettriche. È ormai risaputo che una batteria più potente incrementa l’autonomia dei veicoli elettrici. Ma può un sistema di propulsione avere un impatto analogo? Nel caso della trazione elettrica di Bosch, o eAxle, la risposta è un chiaro sì. La sua peculiarità risiede nel fatto che Bosch ha riunito tre componenti del sistema di propulsione in una sola unità. Il motore, l’elettronica di potenza e il cambio costituiscono un’unità compatta che fornisce trazione all’asse del veicolo.

Ciò rende il sistema di propulsione non solo molto più efficiente, ma anche più economico. “Con il suo eAxle, Bosch applica il principio del ‘tutto in uno’ al sistema di propulsione”. Ha detto Rolf Bulander, membro del Board of Management di Robert Bosch GmbH e presidente del settore di business Mobility Solutions. È proprio per questo motivo che il nuovo sistema di propulsione è potenzialmente un’enorme opportunità commerciale per Bosch. I componenti sono molto flessibili, il che significa che l’eAxle può essere installato in veicoli ibridi e in auto elettriche, in auto compatte, SUV e perfino veicoli commerciali leggeri, ovvero un vastissimo mercato.

Un sistema di propulsione che accelera anche i tempi di produzione

“Dal punto di vista economico, l’eAxle potrebbe rivelarsi un colpo da maestro per Bosch”. Ha proseguito Bulander. Il nuovo sistema di propulsione elettrico svolge un ruolo chiave nell’aspirazione dell’azienda ad essere leader del mercato di massa a livello globale nel settore dell’elettromobilità dal 2020 in poi.

Sulle strade di tutto il mondo vi sono già oltre 500.000 veicoli ibridi ed elettrici provvisti di componenti Bosch. Bosch ha molti anni di esperienza nella produzione di motori elettrici, sistemi di trazione ed elettronica di potenza. Le competenze acquisite nel processo stanno ora dando i loro frutti nel sistema di trazione recentemente sviluppato. Solo con questo componente, Bosch spera di generare un fatturato dell’ordine di miliardi.

L’eAxle è il sistema di propulsione ‘start-up’ per auto elettriche, anche per case automobilistiche avviate. Consente loro di risparmiare tempo di produzione prezioso e di introdurre i propri veicoli elettrici sul mercato molto più velocemente”. Continua Bulander. Poiché Bosch personalizza il sistema di propulsione in base ai requisiti di ogni casa automobilistica, i clienti non devono più occuparsi della produzione di nuovi componenti, attività che porta via molto tempo.

Alcuni campioni del sistema di trazione elettrico sono già stati testati con i clienti. L’inizio della produzione in serie è programmato per il 2019. Bosch ha già un’idea di produzione flessibile e applicabile a livello globale per questo componente. Essa garantisce ad ogni cliente di disporre di una soluzione personalizzata rapidamente integrabile nelle attività produttive.

Fino a 6.000 newton metri di coppia e 300 kilowatt di potenza

La principale attrattiva dell’eAxle è il suo massimo livello di versatilità, il che significa che può essere adattato a molti tipi di veicolo. “Al posto di complesse specifiche, a Bosch bastano pochi parametri per personalizzare l’eAxle”. Ha detto Mathias Pilin, Vice Presidente Esecutivo del settore dell’elettromobilità. I clienti devono solo comunicare le prestazioni, la coppia e lo spazio di installazione di cui hanno bisogno, e Bosch ottimizzerà gli elementi restanti del sistema di propulsione per soddisfare questi parametri.

In questo modo è possibile consegnare un sistema di propulsione completo e personalizzato direttamente alla catena di montaggio di una casa automobilistica. Questo è un motivo ulteriore per cui il sistema di trazione elettrico Bosch costituisce il passo logico successivo nello sviluppo di sistemi di propulsione.

Il sistema di propulsione può erogare una potenza compresa tra 50 e 300 kilowatt, e quindi alimentare anche veicoli di grandi dimensioni come i SUV in modo completamente elettrico. La coppia nell’asse del veicolo può essere compresa tra 1.000 e 6.000 newton metri. Se è installato in veicoli ibridi ed elettrici, la trazione può essere sia anteriore che posteriore. Un sistema di trazione elettrica che eroga 150 kilowatt pesa all’incirca 90 chili, di gran lunga meno rispetto ai singoli componenti combinati tra loro utilizzati finora.

Rispetto ai prodotti della concorrenza, la caratteristica distintiva del sistema di trazione elettrico Bosch è un particolarmente elevato livello di prestazioni di picco unito a un alto livello di prestazioni continue. In altre parole, il sistema di propulsione elettrico accelera meglio e riesce a mantenere un’alta velocità per un tempo maggiore. Per fare ciò, Bosch ha non solo riprogettato il sistema nel suo complesso, ma ha anche potenziato il motore e migliorato i componenti dell’elettronica di potenza.

Approfondimenti sul sistema di trazione elettrico eAxle di Bosch

Cosa rende il sistema di trazione elettrico eAxle più efficiente rispetto ai sistemi di propulsione elettrici precedenti?

Per un alto livello di efficienza complessiva sono imprescindibili singoli componenti altamente efficienti. A tale riguardo, Bosch è avvantaggiato grazie agli anni di esperienza nel settore. Inoltre, le perdite di efficienza sono portate al minimo grazie a una riduzione di interfacce e componenti come cavi ad alta tensione, spine e impianti di raffreddamento. Uno dei punti forti di Bosch è la sua capacità di combinare singoli componenti per creare sistemi, utilizzare le interazioni all’interno del sistema e, in questo modo, raggiungere prestazioni complessive ottimali. Nel caso dell’eAxle, ciò non ha a che fare solo con l’efficienza, ma anche con aspetti come l’acustica e la compatibilità elettromagnetica.

Quando l’eAxle sarà disponibile sul mercato?

I sistemi di trazione elettrici di Bosch sono presenti sul mercato dal 2012 (nella Peugeot 3008 e nella Fiat 500e, per esempio), ma questi non erano dotati di un’elettronica di potenza completamente integrata. Per quanto riguarda la nuova serie di sistemi di trazione elettrici, Bosch è in fase di sviluppo ed è in contatto con case automobilistiche di tutto il mondo. Per essere più precisi, alcuni campioni di sistemi di trazione eAxle sono pronti per essere utilizzati e sono attualmente in fase di collaudo. L’inizio della produzione è programmato al più tardi per il 2019.

In che veicoli può essere utilizzato?

Il sistema di trazione eAxle di Bosch è progettato per essere adattato a molti tipi di veicolo. Se è installato in veicoli ibridi ed elettrici, la trazione può essere sia anteriore che posteriore. Si applica a qualsiasi veicolo dal peso totale non superiore alle 7,5 tonnellate, e quindi sia a veicoli commerciali leggeri che a autovetture.

Perché l’eAxle è meno costoso rispetto ai sistemi di propulsione utilizzati fino ad ora nelle auto elettriche?

Poiché l’eAxle riunisce elettronica di potenza, motore elettrico e cambio in una singola unità, sono necessari meno pezzi. Per esempio, il nuovo sistema di propulsione elettrico funziona perfettamente senza gli spessi e costosi cavi di rame per il collegamento tra componenti. Oltre a ciò, il sistema di raffreddamento può essere semplificato, e non sono necessari cuscinetti per i componenti rotanti. Ciò riduce il costo del sistema di propulsione e ne aumenta l’efficienza. Collocando il cambio vicino al motore si risparmia del prezioso spazio di installazione, un fattore sempre importante nel settore automotive.

A che livello Bosch è impegnata nel settore dell’elettromobilità?

Sulle strade di tutto il mondo vi sono già oltre 500.000 veicoli ibridi ed elettrici provvisti di componenti Bosch. Nel suo impegno per realizzare una rivoluzione nel campo dell’elettromobilità, l’azienda sta investendo 400 milioni di euro ogni anno. L’azienda ha già oltre 30 commesse legate all’elettromobilità da parte di case automobilistiche internazionali.

Ultima modifica: 4 Settembre 2017

In questo articolo