Nuovo sciopero dei benzinai: dal 27 febbraio al 2 marzo

1037 0
1037 0

In particolare, si legge in una nota congiunta, <<la straordinaria adesione alle prime due giornate di sciopero proclamate costituisce, allo stesso tempo, la dimostrazione della sua grande compattezza e consapevolezza e un fermo segnale di dissenso indirizzato al Ministro Bersani>>.
La convocazione al ministero dello Sviluppo non basta per raffreddare il clima perche’, prosegue il comunicato, <<continua ad alludere ad una posizione ministeriale di chiusura pregiudiziale alle sollecitazioni dei gestori, che vuole il testo del ddl annunciato come non modificabile. E’ evidente>>, affermano i benzinai, <<che non puo’ essere in alcun modo chiesto alla nostra categoria di accettare in modo inerte il ‘fatto compiuo’ di un intervento normativo che schiaccia una intera categoria sotto il peso degli interessi coincidenti dell’industria petrolifera e della grande distribuzione organizzata, lasciando solo i gestori in condizione di non poter attivare alcuno strumento concorrenziale.
D’altra parte, la stessa industria petrolifera ha gia’ pressantemente invitato il Governo a cancellare quegli elementi di tutela contrattuale che ancora mitigano lo strapotere che le compagnie vantano nei confronti dei singoli gestori.
In un contesto di questo tipo e’ registrata la posizione pregiudiziale del Ministero>>, conclude la nota, <<non rimane che annunciare una nuova tornata di chiusura degli impianti che interessera’ i giorni 27 e 28 febbraio, 1 e 2 marzo prossimi>>.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017