A Ginevra luci su Freemont La liberta’ ha cuore da crossover

1181 0
1181 0

Durante il Salone svizzero fara’ il suo debutto ufficiale il nuovo modello Fiat, nato sulla base della Dodge Journey. Linee muscolari, ampi spazi e prestazioni grintose: la casa torinese a un punto di svolta

Torino, 24 gennaio 2011 – Il conto alla rovescia sta per finire: al prossimo Salone di Ginevra, in marzo, si alzera’ il sipario sul nuovo Fiat Freemont. Nato sulla base del Dodge Journey, e’ il primo veicolo Fiat frutto della partnership con Chrysler Group. Sara’ prodotto nello stabilimento messicano di Toluca, lo stesso dove nasce la 500 per il mercato americano. La commercializzazione e’ prevista per la seconda meta’ del 2011.
 

Gia’ il nome evoca il senso di liberta’, di piacere di vita all’aperto, di avventura e di possibilita’ di affrontare senza ansia qualsiasi situazione che si presenta nel vivere quotidiano.
 

Fiat Freemont infatti e’ un “veicolo factotum”, progettato per rispondere alle diverse esigenze delle famiglie e di coloro alla ricerca di un veicolo spazioso, comodo e versatile per la vita frenetica di tutti i giorni o il tempo libero del fine settimana.
 

Le dimensioni, lunghezza 489 cm, larghezza 188 cm, altezza 172 cm, garantiscono un’ottima abitabilita’ interna, grazie anche al passo migliore della sua categoria (289 cm).  Spazio, comfort e versatilita’ sono garantiti, grazie ai 7 posti standard con una vera terza fila di sedili spaziosi, facilmente accessibili grazie all’apertura a 90 gradi delle portiere.
 

Con un semplice movimento i sedili della terza fila possono essere abbattuti scomparendo completamente sotto il pavimento e creando un vano di carico regolare. I sedili della seconda fila sono montati piu’ in alto rispetto a quelli anteriori, mentre la terza fila e’ rialzata rispetto alla seconda: consentendo la massima visibilita’ a tutti gli occupanti.
 

Con il sistema “child booster”, poi, un occhio di riguardo e’ dato anche ai piu’ piccini. Grazie ai cuscini rialzati, e’ agevolata la corretta seduta dei bambini a bordo e aumentata la loro sicurezza.
 

Il comfort a bordo e’ poi assicurato dalla posizione di guida elevata, dai nuovi sedili spaziosi ed ergonomici, dai numerosi vani portaoggetti, dall’ampio bagagliaio dotato di doppio scomparto e dal piano di carico piatto per una capacita’ complessiva fino a 1.461 litri.
 

Il design propone linee muscolose e decise che si traducono nel frontale con inediti paraurti e calandra. Il posteriore e’ stato ridisegnato con l’adozione di un nuovo paraurti e fanali a LED.
 

Saranno solo due gli allestimenti proposti, tarati su diverse tipologie di cliente. Entrambi avranno 7 posti, climatizzatore automatico a tre zone, sistema keyless entry, cruise control, trip computer avanzato, sistema di monitoraggio della pressione pneumatici (TMPS), fendinebbia e radio touch screen con schermo a colori e comandi al volante. Nella versione piu’ cittadina si aggiungeranno i cerchi in lega da 17 pollici, la radio touch screen con schermo da 8,4 pollici, lettore DVD e SD card, il sistema bluetooth, i sensori di parcheggio posteriori, gli specchietti retrovisori ripiegabili, l’ accensione automatica dei fari, i vetri posteriori oscurati e le barre sul tetto.
 

Freemont avra’ trazione anteriore con propulsori turbodiesel (2.0 Multijet da 140 CV o 170 CV) abbinati a un cambio manuale. In seguito saranno proposte anche le versioni 4×4 con le motorizzazioni 2.0 Multijet da 170 CV e 3.6 benzina V6 da 276 CV, entrambe con cambio automatico. Ad eccezione del potente motore 3,6 litri della famiglia Pentastar del Gruppo Chrysler e relativo cambio automatico, tutti i gruppi motopropulsori sono prodotti e sviluppati da FPT- Fiat PowerTrain.
 

Migliorate anche le performance dinamiche del veicolo, cosi’ come la sicurezza (previsti 7 airbag, ABS, ESP e ERM). Il comfort di marcia e’ ulteriormente garantito da un importante lavoro di insonorizzazione dell’abitacolo.

 

Ultima modifica: 16 Novembre 2017