Dekra: “Cresce la qualita’ delle vetture Fiat”

922 0
922 0

Il rapporto della rinomata societa’ tedesca premia il Lingotto: l’affidabilita’ e’ sui livelli delle migliori della classe

Roma, 17 gennaio 2011 – E’ cresciuta la qualita’ delle vetture Fiat negli ultimi sette anni. E’ quanto sostiene Dekra, societa’ tedesca leader del settore dei controlli e delle revisioni, nel rapporto 2011 sull’affidabilita’ dei veicoli usati.
Una prima analisi delle tabelle sintetiche sulle classifiche, i cui dati complessivi verranno pubblicati nel mese di marzo con l’edizione in italiano, mostrano, sottolinea Dekra, “una qualita’ decisamente apprezzabile, indice che il Gruppo e’ davvero sulla buona strada”.
 

“Le prime automobili del rilancio Fiat come la Fiat Bravo, la Grande Punto o la Lancia Ypsilon, infatti, cominciano -precisa la societa’ di revisione- ad essere sottoposte alla prima revisione e pertanto sono gia’ presenti in classifica per l’affidabilita’ nella classe di percorrenza da 0 – 50.000 km, a ridosso del 30% delle migliori della classe. Per fare un esempio, la Fiat Bravo precede vetture piu’ blasonate per la stessa Germania, come la Volkswagen Golf V”.
 

Secondo Dekra, “in generale tutte le vetture italiane continuano a crescere migliorando il loro posizionamento in classifica a dimostrazione che il lavoro fatto da Fiat Automobil sulla qualita’ e’ apprezzabile e sulla buona strada. Di contro, le vetture fuori produzione, che da anni sono presenti sul mercato tedesco, rimangono in fondo alla classifica”.
 

Dekra e’ un nome storico nel settore automotive: nasce in Germania nel 1925 per gestire collaudi tecnici per le flotte aziendali e si sviluppa fino a diventare, nel 1990, ente autorizzato per perizie, collaudi tecnici e omologazioni per veicoli e componenti.
 

Oggi il Gruppo Dekra e’ presente in ben 28 Paesi europei, in Sud Africa, Marocco e Algeria, Brasile, Usa e Cina, e puo’ contare su 40.000 centri di revisione controllati direttamente o affiliati, che eseguono ogni anno 22 milioni di revisioni e 1,4 milioni di perizie.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017