Chrysler: ipotesi Marchionne come nuovo ad

767 0
767 0

L’ indiscrezione viene riportata da Automotive News

{{IMG_SX}}Le trattative fra Fiat e Chrysler proseguono a ritmo serrato con l’avvicinarsi della scadenza imposta dall’amministrazione Obama: al centro di colloqui ci sarebbero – secondo indiscrezioni – la struttura proprietaria di Chrysler, un nuovo cda e un nuovo management. Fra le opzioni in esame – secondo quanto riportato da Automotive News – ci sarebbe un coinvolgimento diretto dell’amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne nella gestione delle attivita’ di Chrysler, addirittura con il ruolo di ad. La strada verso un accordo fra il Lingotto e la piu’ piccola delle case automobilistiche americane non appare comunque in discesa, con l’assetto proprietario di Chrysler oggetto di complesse negoziazioni fra Cerberus, Daimler, il sindacato United Auto Worker e i creditori.  La task force designata per supervisionare la ristrutturazione delle case automobilistiche di Detroit potrebbe imporre – afferma Automotive News – un coinvolgimento diretto di Marchionne nella gestione di Chrysler. Il quotidiano ipotizza che l’ad di Fiat possa assumere il ruolo di amministratore delegato di Chrysler. Un impegno quanto mai gravoso che induce a pensare come piu’ probabile, in caso di accordo fra le due societa’, che Marchionne possa entrare nel board di Chrysler come consigliere: cosi’ da essere vicino alle scelte, senza essere gravato in chiave operativa rispetto al lavoro che il manager italo-canadese sta svolgendo a Torino. Se un’intesa sara’ raggiunta – prosegue Automotive News – il piano allo studio prevedrebbe la nomina di un cda
composto da 7 membri, inclusi alcuni di espressione di Fiat e altri della task force presidenziale.

Ultima modifica: 16 Novembre 2017