Phylla, la city-car a energia solare Zero emissioni nelle aree urbane

1278 0
1278 0

Phylla, il veicolo urbano multi-ecologico e sostenibile, ha fatto i primi test ed e’ pronta a mostrare concretamente le prerogative di una city car diversa da tutte le altre. E’ elettrica e si avvale dell’impiego combinato di fonti di energia tradizionale e alternativa

{{IMG_SX}}Phylla, il veicolo urbano multi-ecologico e sostenibile, ha fatto i primi test ed e’ pronta a mostrare concretamente le prerogative di una city car diversa da tutte le altre. E’ elettrica e si avvale dell’impiego combinato di fonti di energia tradizionale e alternativa. L’innovazione di Phylla risiede nella capacita’ di convertire la luce solare in energia. Lunga poco meno di tre metri e larga 1,6, Phylla pesa 750 kilogrammi. Il suo percorso inizia dal totem fotovoltaico dell’Environment Park : una struttura dal forte impatto simbolico pensata come una vela leggera e permeabile alla luce: la location ideale per testare un veicolo-laboratorio in grado di sfruttare direttamente o indirettamente le fonti di energia rinnovabile alla ricerca della migliore combinazione tra solare, elettrico e idrogeno.{{}}

 

{{IMG_SX}}La sfida e’ stata raccolta dai partner del progetto che hanno unito le proprie competenze per realizzare un veicolo che annulla le emissioni di gas inquinanti e di CO2 nelle aree urbane (zero emissioni) e riduce l’impatto ambientale sia durante sia al termine della sua esistenza. Inoltre Phylla e’ in grado di raggiungere livelli di costo chilometrico molto inferiori rispetto a una citycar a benzina. Oltre alla Regione Piemonte, ente promotore e finanziatore, hanno partecipato con impegno al progetto l’Environment Park, che ha contribuito a definire e selezionare le tecnologie innovative per l’ambiente, il Centro Ricerche Fiat, in qualita’ di Vehicle project leader, a cui sono state demandate le scelte tecniche e architetturali e il Politecnico di Torino, con il ruolo di Programme Manager, per la gestione complessiva del progetto e il coordinamento dei partner. {{}}

Ultima modifica: 16 Novembre 2017