Motor Show 2017, ecco perchè è stato un punto di svolta | VIDEO

1202 0
1202 0

Un grande Motor Show”. L’edizione 2017 s’è chiusa con un buon successo: un punto di svolta. Oltre 280 mila visitatori, il 20% in più rispetto al 2016. I paragoni con gli irripetibili anni d’oro sono anacronistici. I tempi sono cambiati: la nuova formula, che punta molto sul dinamismo, pare funzionare. Ecco cosa è successo.

Il Motor Show 2017 ha puntato a offrire un intrattenimento di alto livello grazie a 11 padiglioni ed aree esterne che hanno ospitato un’enorme varietà di sport motoristici e di spettacoli. Tra i momenti più salienti i 3 Pit Stop Ferrari, eseguiti da Antonio Giovinazzi con la F 60, che hanno scaldato gli animi degli appassionati delle rosse, che non hanno potuto fare a meno di visitare il padiglione “The World of Motorsport”, spazio che ha ricreato l’esperienza di una vera e propria pitwalk tra i paddock delle squadre corse, auto e moto, più famose. Tra le tante, si sono potute ammirare la F1 della Toro Rosso, la SF70H, la monoposto di Maranello che ha gareggiato quest’anno nel Mondiale di F1,la F2 della Prema Power, le 488 GT3 Kaspersky e la 488 GT3 Spirit of Race, la Ducati di Dovizioso e la Ducati Panigale R Superbike.

Anche gli amanti dell’heritage sono stati accontentati con ben due spazi dedicati. “Passione Classica Racing”, con le vecchie glorie delle auto da corsa. E “Passione Classica Mercato”, area dedicata alla compravendita.

Il Motor Show, però, ha deciso di andare oltre quest’anno, toccando anche le tematiche del mondo dei motori relative all’innovazione e alla sicurezza stradale. Molti i convegni che hanno visto la partecipazione di personaggi illustri, e i workshop rivolti agli studenti per formare le menti del domani.

Le Celebrities al Motor Show

Non è mancata la presenza dei famosi, perché la passione per i motori si espande in tutti gli ambiti. Con noi in questa edizione: Giorgia Palmas, madrina 2017, Alessandro Del Piero, Antonio Cabrini, Valerio Staffelli, gli atleti della Fiat Torino Pallacanestro, Andrea Iannone, Marco Melandri, i campioni del Bologna Football Club, Virtus Bologna, Charlie Gnocchi, Sinisa Mihajlovic, Guido Meda, Paolo Andreucci, Tony Cairoli, Marino Bartoletti, Elena Novikova, Emanuela Iaquinta, Cecilia Zorzi, Andrea Montermini, gli atleti del Gruppo Sportivo Paralimpico Difesa, i piloti delle Frecce Tricolori,  e tanti volti più o meno noti.

1460 tra giornalisti, reporter, videoperatori e blogger registrati che hanno portato il Motor Show in tutte le città e province italiane, con e decine di canali televisivi, radio e web tv collegate.

I test drive Hyundai al Motor Show

Ultima modifica: 15 dicembre 2017

In questo articolo