Kia col MIT presenta R.E.A.D. che adatta l’auto allo stato emotivo

369 0
369 0

Kia al Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas. presenterà in anteprima mondiale una serie di tecnologie sviluppate per l’era della guida post-autonoma.

Per l’occasione, la mostra interattiva dal titolo “Space of Emotive Driving” guarda a un futuro in cui la guida autonoma è già realtà e dove la priorità della mobilità diventa il miglioramento dell’esperienza umana. Il punto centrale di questo concetto è espresso dall’innovativa tecnologia Real-time Emotion Adaptive Driving (R.E.A.D.), un’anteprima mondiale sviluppata da Kia in collaborazione con il Massachusetts Institute of Technology (MIT) e il gruppo Media Lab’s Affective Computing.

Real-time Emotion Adaptive Driving

Con R.E.A.D è possibile ottimizzare e personalizzare l’abitacolo del veicolo attraverso l’analisi in tempo reale dello stato emotivo del guidatore, grazie a un’inedita tecnologia di riconoscimento del segnale biologico basata sull’Intelligenza artificiale. L’innovativo sistema è in grado di monitorare lo stato emotivo delle persone. E in funzione dei risultati emersi dall’analisi adatta l’ambiente interno. Potenzialmente agendo sulla percezione dei sensi dei passeggeri nell’abitacolo. Creando così un’esperienza di guida più gioiosa e rilassata.

Le parole di Albert Biermann, President and Head of Research & Development Division Kia Motors

R.E.A.D è un sistema pensato per la mobilità futura. Che mira a creare una maggiore interazione fra auto e persone all’interno dell’abitacolo.  Grazie a R.E.A.D. sfruttando nuove tecnologie di controllo del veicolo e grazie a un’Intelligenza artificiale capace di riconoscere l’emotività, sarà possibile ottenere una comunicazione continua tra passeggeri e veicolo. Ciò attraverso il linguaggio non espresso delle emozioni. Creando uno spazio che dialoga costantemente e in tempo reale con i sensi umani “.

Al CES di Las Vegas Kia presenterà anche molte altre tecnologie avanzate dedicate alla mobilità. E incentrate sul concetto di “guida emozionale“.

Ultima modifica: 3 gennaio 2019

In questo articolo