Porsche ad Auto e Moto d’Epoca 2018

1237 0
1237 0

Porsche ad Auto e Moto d’Epoca 2018 è presente con speciali iniziative. Uno spazio espositivo particolare, perché scelto tramite il contest “A Pavilion for Porsche” promosso da Porsche Italia in collaborazione con la rivista di architettura The Plan e riservato a designer under 35.
Tra i 72 progetti presentati è emerso “Looking for a Reflexion” dei catanesi LineaT Studio, che vedranno riproposta la loro idea di stand anche nell’edizione 2019 della manifestazione padovana.

Le parole del Direttore Generale di Porsche Italia, Pietro Innocenti

“E’ bello ritrovarsi qui a Padova, nel contesto di una manifestazione che è il punto di riferimento e d’incontro per tutti gli appassionati di auto classiche, compresi i nostri attivissimi Club e registri Porsche. Per noi questa edizione ha un significato particolare perché cade nell’anno del settantesimo anniversario del nostro marchio, al termine di manifestazioni organizzate dai concessionari di tutta Italia, delle 6 tappe dell’Italian Tour – 1400 chilometri arricchiti dalle visite al patrimonio artistico e culturale proposte ai partecipanti dal FAI – e, soprattutto, del Porsche Festival, che a Imola ha registrato una presenza record di oltre 6000 persone”.


Il Concorso di Restauro

In una fiera dedicata ai mezzi d’epoca, a catalizzare l’attenzione nello spazio della Casa di Zuffenhausen sono soprattutto le auto che hanno conquistato il podio della quarta edizione del Concorso di Restauro. Riservato ai modelli “classic” promosso presso tutti i Centri Porsche e Centri Assistenza Porsche italiani della rete ufficiale.

Un traguardo impegnativo, frutto di interventi di restauro accurati e minuziosi. Che, in sei mesi di lavoro, non hanno lasciato nulla al caso. Neppure il dettaglio più nascosto. Dal rigoroso esame delle otto auto in gara svolto dalla giuria, è uscita vincitrice la rara 964 Carrera RS del 1992 restaurata dal Centro Porsche Torino.

La 911 speciale

Si tratta di una 911 molto speciale – anche nel colore, Viola Rubinrot – alleggerita e con interni spartani. Motore più potente, porte in alluminio e carrozzeria allargata della Turbo.

La piazza d’onore è stata appannaggio della 356 B Roadster del Centro Porsche Salerno. Una spider del 1960 affascinante ed elegante nell’accostamento cromatico tra il Blu Aethna della carrozzeria e il rosso degli interni.

Ad aggiudicarsi il terzo gradino del podio un’altra 911, la Targa 2.4 S del 1973. Presentata dal Centro Porsche Milano Est, uno dei concorrenti più accreditati e vincitore della scorsa edizione del Concorso. In linea con le inconfondibili tinte Porsche dell’epoca anche quest’auto, verniciata in Blu Oxford. Al quale sono stati accostati interni in similpelle Beige.

Auto d’epoca, ma attenzione ai giovani

Grande attenzione anche ai visitatori più giovani. Ai quali lo stand Porsche riserva l’emozione di due simulatori di guida. Per quella che è diventata una piacevole tradizione. Quest’anno abbiamo anche inaugurato la Carrera Cup eSport, primo campionato monomarca virtuale dedicato ai sim-racer a partire da 16 anni. Un successo segnato da più di 1300 registrazioni, con gare online e in autodromo, in contemporanea alle gare vere”. Queste le parole di Pietro. Che aggiunge. “Crediamo nei giovani e nella loro passione. E’ il motivo per cui da quest’anno collaboreremo anche con l’istituto CAPAC di Milano, per la formazione di ragazzi da avviare alla professione di tecnici di restauro. Perché la passione possa anche diventare un lavoro”.

Ultima modifica: 26 ottobre 2018

In questo articolo