Tesla senza pace, i clienti stanchi dei tempi di attesa per la Model 3

954 0
954 0

Non c’è pace per Tesla. Il prossimo problema potrebbe essere rappresentato dai propri clienti stanchi per i tempi di attesa della Model 3. Alcuni hanno versato la caparra da mille dollari nel marzo del 2016 per prenotare la berlina elettrica. Era stata definita, all’epoca, l’auto elettrica per il mercato di massa con un prezzo di 35 mila dollari.

Ad oggi, però, la versione base con quel costo non è ancora in produzione. Come ha sottolineato più volte Elon Musk, i costi di produzione attuali rendono impossibile portare sul mercato un’auto a quel prezzo. In tutto questo le liste d’attesa sono lunghissime e qualcuno sta cominciando a spazientirsi. L’annuncio della settimana scorsa sul taglio di circa 3.000 dipendenti non contribuirà a velocizzare i tempi.

Come riporta Bloomberg, clienti come Nevine Melikian stanno perdendo la pazienza. La donna ha effettuato il deposito di mille dollari nell’estate del 2017. Nel frattempo ha comprato una Toyota Prius nuova da 28 mila dollari e una usata da 13 mila. La volontà di avere una Model 3 c’è ancora, ma si è tirata indietro quando Tesla le ha comunicato che era la prossima in lista per la versione da 48 mila dollari.

Possiamo perdonare Tesla perché è all’avanguardia per quanto riguarda le auto elettriche“, ha detto la signora Melikian. “Però devono avere un comportamento consono se non vogliono perdere clienti come noi. Se un’altra Casa proponesse condizioni simili a una vettura Tesla come autonomia di marcia, ad esempio, non aspetteremmo un attimo“.

Ultima modifica: 22 gennaio 2019