OltrApe, una apecar a biometano in tour per l’Emilia Romagna

680 0
680 0

OltrApe, una apercar a biometano attraversa l’Emilia Romagna. Vi proponiamo il resoconto di Federmetano.

Durante la pandemia da Covid-19 gli adolescenti hanno dovuto adattarsi alla scuola online, all’obbligo di non uscire, a rispettare le limitazioni alla libertà. Ciò però non ha minato la loro immaginazione, anzi l’ha alimentata e li ha resi desiderosi di scoprire luoghi che, per quanto vicini, sono ancora inesplorati. Un desiderio che i ragazzi di Radioimmaginaria hanno realizzato con “OltrApe”, il tour dell’Emilia Romagna dal 22 di luglio al 31 di agosto, a bordo di un Ape car Piaggio alimentata a metano e biometano.

Federmetano, impegnata nella diffusione della cultura del metano per autotrazione, ha voluto sostenere questa iniziativa. “OltrApe” si rivela in linea con la mission dell’associazione e con il progetto “Biometano, dalla terra per la terra” che Federmetano dedica proprio ai più giovani.

“OltrApe” è un viaggio itinerante e a basso impatto ambientale nella regione in cui Radioimmaginaria è nata, per raccontare la voglia dei ragazzi di superare il periodo della pandemia e di tornare a immaginare nuovi modi per sentirsi vicini e uniti, nonostante le distanze di sicurezza.

OltrApe per scoprire la Regione del metano

Un Tour per scoprire l’Emilia-Romagna: dagli Appennini, alla pianura, il delta del Po, le terre d’acqua, il mare Adriatico, i piccoli e grandi paesaggi della regione. Un’occasione per raccontare come vuole rialzarsi una delle regioni più dinamiche e innovative d’Europa e come i giovanissimi sono pronti ad affrontare questo nuovo periodo.

Costruire il futuro è la volontà che alimenta il tour, ma per farlo è necessario non dimenticare la nostra storia. Pochi mezzi di trasporto hanno rappresentato così bene il miracolo economico italiano del periodo post bellico quanto l’APE PIAGGIO. Per questo motivo, “OltrApe” 2020 ha la sua icona in un Ape Piaggio molto speciale, immatricolato nel 1970 e che i ragazzi di Radioimmagianaria, nel 2018, hanno reinventato e trasformato in Radio viaggiante, risalendo l’Italia da Partinico a Castel Guelfo e, l’anno successivo, facendolo viaggiare in mezza Europa per raggiungere Stoccolma. Quest’anno ApeRadio (così l’hanno chiamato) è stato trasformato in una versione ancora più ecologica, con pannelli solari e un nuovo motore alimentato a metano/biometano.

Leggi anche: Il diario di viaggio di “OltrApe” 2020

Ultima modifica: 11 agosto 2020