Ferrari Monza SP1 vince il Compasso d’Oro 2020

420 0
420 0

Il trionfo della barchetta di Maranello, Ferrari Monza SP1 è stata premiata con il Compasso d’Oro 2020. Si tratta di uno dei riconoscimenti più ambiti nel settore del design industriale. Alla cerimonia di premiazione che si è svolta oggi a Milano erano presenti, in rappresentanza del Cavallino Rampante, Flavio Manzoni (Chief Design Officer) e Jane Reeve (Chief Communication Officer).

La Monza SP1 è stata uno dei diciotto oggetti di design che hanno ricevuto il riconoscimento nel corso dell’odierna cerimonia di premiazione. Istituito nel 1954, il Premio Compasso d’Oro ADI è il più antico e autorevole premio mondiale nell’ambito del design industriale e viene assegnato a cadenza biennale, sulla base di una preselezione effettuata dall’Osservatorio permanente del Design dell’ADI costituito da esperti, designer, critici, storici e giornalisti specializzati. Nella storia del premio sono state solo undici le vetture premiate – tra cui ben tre Ferrari: la F12berlinetta nel 2014, la FXX K nel 2016 e la Monza SP1 oggi.

La motivazione del riconoscimento

I giurati dell’ADI (Associazione per il Disegno Industriale) hanno inteso premiare la Monza SP1 per “la sua capacità di proiettarsi nel futuro facendo tesoro della memoria e senza cadere nel vintage.” La vettura, dotata delle migliori tecnologie oggi disponibili, fa infatti parte di una serie speciale limitata capostipite di un nuovo segmento denominato ‘Icona’, ispirato alle più evocative vetture del Cavallino degli anni 50.

Destinata ai clienti e ai collezionisti più appassionati, la Ferrari Monza SP1 riprende il tema delle barchette da competizione, dalla 166 MM del 1948 capostipite del concetto stesso di barchetta fino alle iconiche 750 Monza e 860 Monza. Nate con il solo obiettivo di vincere, queste auto progettate e costruite senza compromessi hanno contribuito negli anni 50 a creare parte della leggenda Ferrari grazie ai tanti trionfi nel Campionato Mondiale Sport. La Ferrari Monza SP1 è stata progettata come monoposto stradale con un’identità fuori dagli schemi, in grado di far vivere al driver un’esperienza di guida impareggiabile.

Leggi anche: SP1 e SP2, un omaggio a Marchionne

Ultima modifica: 9 settembre 2020