Auto a metano: vantaggi e svantaggi

1646 0
1646 0

Con la progressiva scomparsa delle vetture alimentate a gasolio, le auto a metano si stanno imponendo come valida alternativa, specie per chi ha necessità di muoversi anche in aree con limitazioni al traffico, o per chi percorre molti chilometri all’anno.

Ma un’auto a metano è in assoluto più conveniente di una vettura a benzina? I fattori da considerare sono diversi e i vantaggi spesso impercettibili, se ci si orienta su city car.

Come valutare un’auto a metano

Uno dei parametri più importanti da considerare è appunto il chilometraggio medio annuale che una vettura deve affrontare. La differenza di costo carburante tra benzina e metano è notevole, ma può essere assorbita dalla maggiore manutenzione che una vettura così alimentata richiede, se ogni anno non si superano almeno i 15.000 chilometri.

Considerando infatti la necessità di verificare i condotti, le valvole e le bombole almeno una volta all’anno, la manutenzione ordinaria diventa una voce importante nel bilancio complessivo. Tra le ragioni che potevano scoraggiare l’acquisto di una bifuel sicuramente non c’è più il rendimento.

Le prestazioni, soprattutto nei modelli di ultima generazione, che nascono con un impianto progettato apposta, sono praticamente identiche a quelle di auto alimentate a diesel. Resta, forse non per molto ancora, il problema dell’approvvigionamento: la rete di distribuzione non è ancora così capillare e questo rende necessario programmare con attenzione i lunghi viaggi.

Per incrementare l’uso del metano, infatti il serbatoio di benzina si è ridotto notevolmente, confinato, in alcuni modelli,  come semplice sistema di avvio o poco più. Il passaggio all’alimentazione a metano, in molte auto avviene automaticamente non appena si raggiungono determinati livelli.

Vantaggi fiscali per un’auto a metano

Non scoraggia nemmeno più l’impossibilità di parcheggiare in ambienti chiusi e interrati. I garage fino al primo livello sotterraneo possono tranquillamente, per le peculiarità fisiche del metano, ospitare auto così alimentate.

Tra i vantaggi che spingono all’acquisto di queste vetture, c’è sicuramente quello fiscale. E’ pur vero che il bollo auto è materia di competenza delle Regioni, ma mediamente in tutta Italia, si versa il 25% di quanto bisognerebbe corrispondere per una vettura alimentata a benzina.

Un bel risparmio, soprattutto per le auto di cilindrata più grande. Anche la possibilità di circolare in presenza di divieti per ragioni di impatto ambientale è un buon motivo per acquistare un’auto a metano.

Quasi ovunque le ztl sono aperte a queste vetture, anche se Milano, per esempio, ha interdetto comunque l’area C. Anche la spesa iniziale si è sensibilmente ridotta: su un’auto a metano valgono gli ecobonus appena introdotti.

Ultima modifica: 16 gennaio 2019