Assicurazione stagionale cosa cambia

355 0
355 0

Ad ottobre 2021, l’UE ha apportato nuove modifiche alla disciplina che regolamento l’assicurazione stagionale. È previsto che l’assicurazione auto non possa essere più sospesa e che quindi anche auto e moto non utilizzate debbano avere una copertura assicurativa. Questa è la novità di maggior impatto della direttiva europea in materia di Rc auto approvata in via definitiva a metà ottobre dal Parlamento europeo.

La nuova disciplina sulla sospensione dell’assicurazione stagionale

In sintesi, non sarà più possibile sospendere una polizza assicurativa Rc auto quando non si utilizza il veicolo. Le nuove regole, che modificano la direttiva 2009/103, non entreranno in vigore subito: dopo l’adozione formale da parte del Consiglio Ue e la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Ue, infatti, gli Stati avranno due anni di tempo per il recepimento e l’attuazione.

Dalle attuali norme italiane dovrà innanzitutto essere eliminata la limitazione dell’obbligo assicurativo alle sole aree pubbliche o aperte al pubblico: la nuova direttiva lo estende alle aree private. Così rispetta tre sentenze della Corte Ue, secondo cui l’oggetto dell’assicurazione è l’«uso del veicolo», ovvero qualsiasi utilizzo inerente alla sua funzione di trasporto, non importa se fermo o in movimento, in luogo pubblico o privato.

Chi smette di usare un veicolo in strada e lo tiene in un cortile, garage o simili non potrà più lasciar scadere una polizza o chiedere la sospensione di quella in corso; salvo che lo renda inidoneo a circolare (per esempio, togliendo parti necessarie per il movimento) o che si trovino formule alternative di garanzia assicurativa. A dispetto di quanto richiesto da più parti, il testo della direttiva europea conferma invece l’esenzione di bici e monopattini dall’obbligo di assicurazione.

L’assicurazione stagionale RCA

Nell’ottica sopra vista, quasi sicuramente scomparirà anche la formula dell’assicurazione RCA stagionale, che consiste in una polizza trimestrale o semestrale con una copertura assicurativa temporanea e garantisce la tutela per pochi mesi l’anno.

La polizza assicurativa temporanea stagionale attualmente è interessante e conveniente per automobilisti che usano l’auto solo in determinati periodi dell’anno: chi utilizza l’automobile in modo saltuario o durante periodi circoscritti come ad esempio le vacanze estive o invernali oppure chi necessita di una garanzia temporanea per spostare l’auto da un luogo ad un altro. Purtroppo non sempre questo genere di contratti è economicamente vantaggioso: il premio non subisce una riduzione proporzionale alla durata limitata, ma solo una flessione sulla tariffa annuale.

Il premio delle assicurazioni stagionali prevede un costo fisso base per percentuale iniziale ed il restante differenziato in base ai chilometri percorsi.

Ultima modifica: 15 novembre 2021