Alfa Romeo MiTo, il ritorno con Stellantis su piattaforma PSA?

3054 0
3054 0

Alfa Romeo MiTo con pianale CMP (Common Modular Platform) di PSA è più che una suggestione.

La piccola del Biscione, in produzione dal 2008 al 2018, potrebbe avere un futuro grazie alla futura sinergia tra FCA e il Gruppo francese che porterà al colosso Stellantis.

 

Dall’uscita della prima generazione di MiTo, due estati fa, Alfa Romeo è rimasta senza una vettura per neo-patentati. Una lacuna non da poco, togliendo la possibilità di mettere giovani alfisti in auto.

Al momento non è prevista una Segmento B per il Biscione, ma la nuova alleanza di FCA dovrebbe cambiare le prospettive (anche per Fiat e Lancia, ovviamente) e portare una evoluzione.

Alfa Romeo MiTo

E’ in scaletta il SUV del Segmento B di Alfa Romeo (Alfa Milano?) con dimensioni di circa 4,2 metri di lunghezza.

Più compatto rispetto a Tonale e realizzato sulla piattaforma CMP (di Peugeot 208/2008, Opel Corsa/Mokka). Con la possibilità di utilizzare motori diesel, benzina ed elettrico.

Il ritorno di Alfa Romeo MiTo non è da escludere proprio per questo. La banca organi di PSA permetterebbe questa evoluzione.

Se Alfa Romeo Milano sarà un SUV a 5 porte, nuova generazione potrebbe mantenere la configurazione sportiva a 3 porte, come la prima serie.

La MiTo del 2008 riprese lo stile della straordinaria 8C Competizione, nello specifico la foggia dei fari anteriori e quelli posteriori, circolari e caratteristici.

Un tocco speciale del Centro Stile Alfa Romeo. La ipotetica “piccola” del futuro prossimo potrebbe riprendere il design di Tonale, apprezzatissimo.

Alfa Romeo MiTo, la galleria fotografica

 

Ultima modifica: 23 agosto 2020

In questo articolo