Opel installa 160 colonnine di ricarica al centro tecnico di Russelsheim

217 0
217 0

Il Centro Tecnico presente nella sede di Opel a Rüsselsheim diventerà il laboratorio della mobilità elettrica. Insieme all’Università di Kassel, a FLAVIA IT e a PLUG’n CHARGE, due società specializzate in infrastrutture di ricarica, la Casa tedesca svolgerà attività di ricerca sulla struttura ideale della rete elettrica del futuro.

Il progetto triennale “E-Mobility-LAB Hessen” avrà il sostegno del Ministero dell’Economia, dell’Energia, dei Trasporti e dello Sviluppo dell’Assia attraverso i finanziamenti forniti dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale. Nel proprio Centro Tecnico, Opel realizzerà un sistema infrastrutturale intelligente di ricarica per le automobili elettriche.

In totale le stazioni di ricarica saranno più di 160. In futuro caricheranno la flotta di veicoli elettrici del Centro Tecnico. Sulla base dei dati reali, sarà possibile simulare in modo completo e veritiero molteplici scenari, garantendo così la trasferibilità dei risultati. Secondo il piano strategico PACE! entro il 2020 la Opel avrà nella propria gamma quattro modelli elettriciEntro il 2024 tutti i modelli della gamma avranno una versione elettrica.

Il peso dei veicoli elettrici nell’attività di sviluppo del costruttore riflette la situazione della mobilità prevista per il 2035. I partner del progetto intendono ottenere informazioni preziose sul comportamento di ricarica e sulle necessità collegate all’espansione della rete. La corrente e il momento della carica vengono adattati all’uso dei veicoli di sviluppo con il supporto di un sistema di controllo intelligente. Grazie a questa infrastruttura smart, l’intera flotta sarà sempre adeguatamente carica, con un’espansione minima della rete elettrica esistente.

Nel Centro Prove di Rodgau-Dudenhofen sarà installato inoltre un accumulatore modulare a batteria, che riutilizzerà le batterie di Opel Ampera per immagazzinare temporaneamente elettricità. Questa applicazione statica “second life” mira a mitigare i picchi di carico, stabilizzando la rete elettrica. Per l’accumulatore a batteria saranno utilizzate in totale 18 batterie. La struttura può fornire elettricità per un mese a una famiglia di quattro persone.

Ultima modifica: 7 novembre 2018