Auto usate, 1 su 3 è importata dalla Germania

906 0
906 0

L’Italia è uno dei maggiori esportatori di veicoli e rifornisce di auto usate altri Paesi, soprattutto dell’Europa dell’Est. Tuttavia, importa anche molti veicoli di seconda mano. Quando si tratta di acquistare un’auto usata, gli acquirenti italiani si fidano maggiormente dei veicoli provenienti da alcuni Paesi.

Una ricerca condotta dalla società di dati automobilistici carVertical ha rivelato da quali Paesi arrivano le auto in Italia. Questa azienda analizza i rischi che i veicoli importati comportano.

Auto usate, 1 su 3 è importata dalla Germania

Le auto tedesche sono ritenute ben mantenute

Il 36,3% delle auto usate in Italia proviene dalla Germania, che detiene la quota più alta del mercato, seguita da Francia (13,9%), Romania (9,5%), Belgio (6,7%) e Spagna (5,5%). Questi dati sono stati estratti analizzando più di 1 milione di report sullo storico delle auto vendute e non riflettono i numeri reali di immatricolazione in Italia.

Gli acquirenti di auto usate cercano auto dalla Germania perché credono che gli automobilisti tedeschi si prendano cura delle loro auto meglio di chiunque altro. La gente pensa che gli automobilisti del più grande mercato dell’usato non saltino gli appuntamenti per la manutenzione, eseguano riparazioni di qualità e acquistino auto meglio equipaggiate“, afferma Matas Buzelis, responsabile delle comunicazioni di carVertical.

Le condizioni di un veicolo e i problemi più comuni sono fortemente influenzati dalla regione di provenienza. I veicoli provenienti da Paesi nordici come la Svezia presentano in genere una maggiore corrosione a causa della neve, del sale e delle temperature rigide.

Mentre le auto provenienti dalla Spagna possono non presentare corrosione, ma la vernice di molti veicoli usati può essere sbiadita a causa della luce solare particolarmente intensa. In generale, gli sbalzi di temperatura non sono mai positivi per un’auto. Questo spiega perché gli italiani amano le auto tedesche. La Germania ha un clima mite e buone strade, che riducono il rischio di corrosione, vernice sbiadita e problemi alle sospensioni.

Le compravendite di auto usate internazionali sono più rischiose

Quando le auto si spostano da un Paese all’altro, è difficile tracciare la loro storia. La maggior parte dei Paesi non scambia i dati dei veicoli, il che significa che un’auto può subire gravi danni in Germania o in Belgio e poi rinascere in Italia.

Secondo il Market Transparency Index di carVertical, il 16,6% di tutte le auto controllate sulla piattaforma in Italia è stato danneggiato in passato e l’11% ha un chilometraggio falso.

Queste statistiche dimostrano che il mercato dei veicoli usati in Italia è tutt’altro che trasparente e gli acquirenti dovrebbero essere consapevoli delle truffe più comuni.

Leggi ora: le novità auto

Ultima modifica: 16 Febbraio 2023