Nissan X-Trail, una 4×4 elettrica caricata a benzina

445 0
445 0

Nuova Nissan X-Trail è cambia le carte in tavola, con un’aggiunta. Il modello familiare per eccellenza di Marchio giapponese, mette sul piatto una primizia. Abbina il sistema e-Power, che ha esordito su Qashqai, alle quattro ruote motrici.

Offre una trazione elettrica integrale e intelligente, con due motori e una piccola batteria alimentata da un propulsore a benzina non connesso all’asse anteriore o posteriore.

Nissan X-Trail

Il sistema si chiama e-4orce, operativa anche sulla full electric Ariya, ma per ora è l’unica applicazione abbinata all’ibrido. A breve sarà adottata da altri modelli del Costruttore

Una alternativa per coloro che non sono, per svariati e condivisibili motivi, ancora pronti a passare a un’auto solo a batteria. Ma che desiderano entrare nel mondo dell’elettrico, senza il diktat della spina. A pieno carico: con una trazione integrale, eventualmente a sette posti: una alternativa molto “robusta”, in tutti i sensi, per chi cerca una vettura polivalente. Con dimensioni importanti, da Segmento D: lunga 4,68 metri, ben 25 centimetri in più di Qashqai, la Segmento C del Marchio.

Nissan X-Trail, la differenza

Un Suv di dimensioni medio-grandi: verrebbe automatico pensare al Diesel. Nissan cala la sua coppia, e-Power e e-4orce, sostenendo che X-Trail consuma il 15% in meno rispetto alla precedente versione a gasolio. Dato interessante.

Come funziona? Il 3 cilindri 1.5 benzina da 158 cv produce energia per i due inverter, che la gestiscono per la batteria da 2,1 kWh. L’accumulatore alimenta per i propulsori elettrici, l’anteriore da 204 cv e 330 Nm di coppia, il posteriore da posteriore da 136 cv e 195 Nm. La potenza di sistema è di 213 cavalli, quella di un 2 litri turbodiesel di alto lovello.

Abbiamo provato il top di gamma, nell’allestimento Tekna. Presenta una dotazione completa, che con l’aggiunta della livrea bicolore e del sontuoso Executive Pack, che comprende rivestimento in pelle pregiata, cerchi in lega da 20″, impianto audio Bose con 10 altoparlanti, parabrezza riscaldato, lavafari e tetto panoramico a regolazione elettrica. Prezzo finale che sfiora i 57.000 euro, ma davvero non manca di nulla. Il tutto coadiuvato da un efficace corredo di ADAS, con il pulsante ProPilot, sulla razza destra del volante, che attiva la guida assistita di secondo livello. Un ottimo contesto.

Nissan X-Trail spicca anche a livello di qualità costruttiva. finiture, materiali e anche per disposizione dei comandi, fisici e digitali. Tutto a portata di mano, voce ed occhio, con strumentazione e infotainment entrambe con schermi da 12,3 pollici: c’è anche il climatizzatore tri-zona. Un plus per gli equipaggi superiori.

Notevole anche spazio interno, notevole accessibilità dalle portiere posteriori, che si aprono a 85°, per una accessibilità eccellente. 

Importante la capacità nel bagagliaio, ma deve essere valutata anche l’opzione a sette posti (900 euro) che permette di ospitare passeggeri alti fino a circa un metro e sessanta. La capacità di carico con cinque persone a bordo varia da 482 a 575 litri, grazie alla seconda fila che scorre fino a 22 centimetri, altro elemento di praticità. Si stiva di tutto.

Presente, come nei modelli elettrici della Casa, l’e-Pedal, che permette di guidare, nella quasi totalità delle situazioni in città e spesso anche in statale, usando solo l’acceleratore come freno in rilascio. Una comodità.

Nissan X-Trail, come va la trazione integrale elettrica, “alimentata” a benzina

Il crossover su asfalto offre guida e sensazioni comparabili  a quelle di una vettura elettrica. Regna la pace, con il tre cilindri a benzina che entra in azione, discretamente, alimentando il powertrain elettrico. Il comportamento dinamico è fluido e pronto, non penalizzato da un peso notevole, sulla soglia dei 20 quintali. Non pochi.

Esibisce un passo scorrevole, Nissan X-Trail  morde anche da ferma, e la trazione integrale elettrica con torque vectoring offre il vantaggio di una ripartizione immediata della coppia. Permettendo un comportamento impeccabile su asfalto e facilita i passaggi sullo sterrato o fondi difficili. Anche nel fuoristrada, pure su passaggi non facili, coadiuvata dalla modalità off road e dall’altezza da terra di 200 millimetri. Molto agile.

Il grande plus: la coppia può essere ripartita su ogni singola ruota: ne consegue un’aderenza elevata. Si adatta modo istantaneo ai cambi di aderenza, impiegando un deci-millesimo di secondo, reattività impossibile per una trazione integrale meccanica. Aiuta sempre chi è al volante, contribuendo a mantenere la traiettoria impostata anche in condizioni di strada bagnata o innevata. La gestione elettronica della trazione ottimizza la dinamica, riducendo il sottosterzo, migliorando il comfort gestendo il beccheggio nelle brusche frenate e accelerazioni. Mai strappi.

Nissan e-4ORCE 2

Nissan X-Trail accoglie con un ottimo il comfort, ben insonorizzata, con una souplesse speciale. Alla voce consumo, la percorrenza media è stata prossima a 15,8 km/litro, quindi per una autonomia potenziale di oltre 850 km con un pieno.

Unico neo, con Nissan X-Trail in autostrada si sta sotto i 12 km/litro, con il motore a benzina di fatto sempre operativo per la ricarica della piccola batteria. Senza dubbio le economie sono paragonabili, se non competitive, rispetto ai suv a gasolio di simile stazza e potenza. Una vera alternatuiva.

Nissan X-Trail, la trazione e-4orce

Leggi ora: le novità auto

Ultima modifica: 23 Marzo 2023