Lancia, i prossimi modelli Ypsilon, Delta e ammiraglia come sculture | VIDEO

3066 0
3066 0

Il futuro prossimo di Lancia, che sarà elettrico, è stato svelato nella splendida cornice della Reggia di Venaria.

Le parole di Luca Napolitano, Ceo del Marchio

Oggi Lancia rinasce con un nuovo Logo e una visione chiara di design – ha dichiarato Luca Napolitano, CEO del marchio Lancia –. In attesa della nuova Ypsilon, la prima vettura della nuova Lancia, presentiamo Lancia Pu+Ra Zero, una scultura, un manifesto tridimensionale che ispira le vetture che arriveranno tra il 2024 e il 2028. Un’opera d’arte in cui passato e futuro sono in continuo contatto, dove l’eleganza si bilancia con lo spirito radicale delle forme. Oggi parte il nostro Rinascimento, con cui vogliamo far sognare i tanti appassionati di Lancia in tutto il mondo. Lancia tornerà ad essere un marchio desiderabile, rispettato e credibile nel mercato premium europeo”.

Il nuovo logo Lancia che firma l’ingresso del marchio nella mobilità elettrica

Sette i loghi di Lancia che si sono succeduti in 116 anni di storia. Ttutti accomunati da valori unici, insiti nel DNA del marchio in termini di eleganza, “forza grafica” e raffinatezza. Ora il testimone passa ad un nuovo logo, simbolo della nuova era di Lancia e che ne segna l’ingresso nella mobilità elettrica.

Questo nuovo logo verrà utilizzato sulla nuova Ypsilon.  sulla nuova ammiraglia. Esulla nuova Delta ed è parte integrante della nuova Brand Identity che coinvolgerà i concessionari europei. T tutti rinnovati in termini di immagine entro l’inizio del 2024, e tutte le attività di comunicazione, sia on line che off line.

Inoltre il logo del 1957, introdotto per la prima volta sulla Lancia Flaminia, è stato la principale fonte di ispirazione, dando vita a un autentico gioiello, molto classico nella sua estetica, dove elementi di semplicità e purezza grafica incontrano elementi di preziosità, in termini di colori, materiali e trattamenti. Realizzato in alluminio ed espressione dei nuovi codici grafici del Marchio, il nuovo logo è “avvolto di luce” ed è il risultato di tecnologie utilizzate non solo nel mondo automotive ma anche in ambiti molto diversi, come dimostra la spazzolatura circolare tipica del quadrante degli orologi.

Il nuovo logo Lancia è Progressive Classic, in quanto rilegge tutti gli elementi distintivi del marchio storico, il volante, la bandiera, lo scudo, la lancia e la scritta, ma li reinterpreta per renderli moderni e proiettarli nel futuro. Tutti questi elementi costitutivi del marchio sono i simboli della nobiltà e dell’heritage Lancia che oggi vengono semplificati, sia in termini di linee che di forme, e posizionati in un nuovo equilibrio, capace di esprimere innovazione, premiumness e italianità con un tocco di eclettismo, dato dalla lancia asimmetrica.

Nuova anche la scritta Lancia con un font originale, che prende ispirazione da una delle eccellenze italiane più legate alla storia del marchio, la Moda, “firmando” il futuro del brand per renderlo desiderabile, duraturo e sempre contemporaneo.

 

Studiale le sette versioni del logo che si sono succedute in oltre un secolo di vita

Per creare il nuovo logo il team dei designer Lancia ha studiato le sette versioni che si sono succedute in oltre un secolo di vita. Si è partiti dal primo logo del 1907, molto semplice ed essenziale, dove il nome “Lancia” è scritto in corsivo e in color oro, in perfetta sintonia con lo stile Liberty del tempo; per poi analizzare quello del 1911, disegnato dal Conte Carlo Biscaretti di Ruffia, che presenta pochi elementi, alcuni dei quali rimasti poi inalterati nel corso tempo, quali il volante a quattro razze, il comando dell’acceleratore a mano, la bandiera rettangolare e l’asta a forma di lancia.

Si è poi passati al logo del ‘29, con lo scudo triangolare che incornicia il cerchio del volante, chiaro richiamo alle geometrie universali e alla pulizia grafica; per poi proseguire con il famoso logo del ’57, caratterizzato da uno stile asciutto; e arrivare infine agli emblemi più recenti, come quello del ‘74, semplice e raffinato, o quello del 1981 creato dal designer Massimo Vignelli, stilizzando scudo, lancia, volante e bandiera, fino al logo attuale presentato nel 2007.

Al debutto Lancia Pu+Ra Design, il nuovo Linguaggio di Design del marchio

Nato dalla crasi tra le parole “Puro” e “Radicale”, Pu+Ra Design è il nome del nuovo e sostenibile linguaggio del Design, che ispira lo stile delle vetture del futuro, unico nel suo genere e destinato a durare nel tempo. Tutto ciò è il frutto dell’orgoglioso passato del marchio e di alcune eccellenze tipiche dello stile italiano nel mondo.

Nelle future vetture Lancia si ritroveranno, infatti, le forme morbide, pure e sensuali dell’Aurelia e della Flaminia, unite con le più moderne espressioni di radicalità e semplicità, ispirate al linguaggio dell’arredamento, dell’architettura, della moda, nonché alla storia sportiva del marchio incarnata dalle famose Stratos e Delta.

Con Pu+Ra Design i volumi delle nuove vetture nascono per stratificazioni successive, aggiungendo e intersecando forme elementari e iconiche, come il cerchio, il rettangolo e il triangolo, e combinandole con dettagli eclettici. Il risultato è un linguaggio complessivo non tipicamente automotive.

Per quanto riguarda gli interni, Pu+RA Design attinge dal design italiano dell’arredamento, un’eccellenza italiana fatta di attenzione ai dettagli, ricerca sui materiali e innovazione. Lancia prende spunto da questo mondo per creare uno spazio generato da geometrie semplici con una prospettiva radicale, oltre che accogliente e capace di assicurare quella stessa sensazione di home feeling che si vive nei raffinati ed eclettici salotti italiani. Il tutto impreziosito da un approccio ʺcolor blockingʺ e dalla scelta di materiali pregiati e sostenibili, che definiscono lo spirito futuro del marchio.

Lancia Pu+Ra Zero, il manifesto tridimensionale che rappresenta l’essenza del Design Lancia del futuro

Pu+Ra Zero è un manifesto tridimensionale che racchiude l’essenza del nuovo Design Lancia e la visione di come saranno la nuova Ypsilon, la nuova ammiraglia e la nuova Delta, coniugando design, arte e innovazione: questa scultura è l’espressione massima del concetto “Progressive Classic”.

Pu+Ra Zero è infatti la sintesi di elementi opposti: Bellezza e Tecnicità, Grazia e Carattere e fonde armoniosamente le forme primarie, iconiche e tipiche della tradizione Lancia in un dialogo continuo tra le due anime del marchio, anime diverse ma complementari, tra passato e futuro.

Inoltre il frontale di Lancia Pu+Ra Zero sfoggia una reinterpretazione della storica calandra di Lancia, il calice, oggi proiettato al futuro attraverso tre raggi di luce, per renderlo iconico e memorabile. Questo nuovo calice, puro, tecnologico e dall’identità unica, sarà presente su tutte le tre le nuove vetture Lancia, rendendole immediatamente riconoscibili, sia di giorno che di notte.

Sopra il calice, troviamo la nuova scritta Lancia e questa doppia firma, calice-scritta, siglerà il frontale di tutti e tre i nuovi modelli Lancia: un “calice di luce” che abbraccia virtualmente il nome del marchio e identifica chiaramente l’identità grafica del Rinascimento di Lancia, traghettandola nella mobilità elettrica.

Pu+Ra Zero è composto da linee morbide e fluide, che richiamano il design di Aurelia B20 e Flaminia, con un tetto circolare che inonda di luce l’abitacolo, in un gioco di equilibrio tra esterni e interni.
Sul posteriore spiccano i fari tondi che rinviano a quelli della Stratos e che saranno utilizzati sulla nuova Ypsilon con la nuova scritta Lancia posizionata tra i fanali. Infine, in vista laterale, spicca il nuovo logo.

Pu+Ra Zero è di colore Blu micalizzato con sottili sfumature che giocano con la luce all’insegna dell’eleganza, della fluidità e della leggerezza italiana.

Design Day, le foto

Leggi ora: Heritage Hub apre alle visite guidate per le storiche 

Quando arriverà nuova Lancia Ypsilon?

Lancia Ypsilon è attesa per il 2024

Quando arriverà nuova Lancia Delta?

Nuova Delta arriverà nel 2028

Che motori avranno le Lancia?

Progressivamente saranno tutte elettriche entro il 2026

Ultima modifica: 5 Dicembre 2022

In questo articolo