I bolidi nelle piazze, il futuro è adesso

398 0
398 0

È il festival per celebrare i motori più belli e più desiderati al mondo. Ma è anche il festival dei numeri, quelli che dovranno segnare la ripresa della Motor Valley e di una buona fetta dell’economia nazionale.

Per questo ieri, a Modena, per la giornata inaugurale del Motor Valley Fest il sottosegretario agli Affari Esteri Manlio Di Stefano ha voluto sottolineare il valore economico del territorio che ospita alcune delle case motoristiche più conosciute.

La prima giornata del Motor Valley Fest 2021 - Taglio del nastro Motor Valley Fest_3

«Il settore dell’automotive in Italia – ricorda Di Stefano – vale 106 miliardi di euro, l’11% di tutta la manifattura e il 6,2% del Pil nazionale. Ecco perché il governo non poteva mancare all’appuntamento modenese più atteso nell’ultimo anno. Questo è un settore con grandi potenzialità per rilanciare il paese dopo la crisi pandemica e per far conoscere il Made in Italy nel mondo».

Lo sa bene il presidente dell’Emilia-Romagna che punta a uscire presto dalle secche provocate dal Covid-19 per poter riportare la regione a essere «una delle principali locomotive del paese». «Ferrari, Lamborghini e Ducati ci hanno presentato progetti di sviluppo e investimenti ulteriori in questo territorio» spiega al convegno inaugurale Stefano Bonaccini.

Stefano Bonaccini, Presidente Regione Emilia Romagna, e Claudio Domenicali, CEO Ducati

Per questo motivo le risorse del Pnrr e quelle dell’Ue dovranno servire per «stare di fianco a queste straordinarie imprese che qui da decenni sono radicate, hanno fatto la storia dell’Emilia-Romagna e di questo Paese nel campo dell’automotive».

In sala sono presenti i responsabili delle principali aziende del settore ad ascoltare gli ultimi aggiornamenti sulle tendenze in atto. Un’occasione per rilanciare la sfida della mobilità sostenibile del futuro per una terra che ha fatto dell’innovazione uno dei suoi punti di forza.

«Sembra un tema un po’ atipico per un territorio che ha marchi con vetture e moto così performanti – dice l’amministratore delegato di Ducati e presidente di Motor Valley, Claudio Domenicali –, ma noi vogliamo fare moto e auto sempre più belle da guidare che però mantengano anche la promessa di essere più rispettose dell’ambiente».

Claudio Domenicali presidente di Motor Valley.
Claudio Domenicali, presidente di Motor Valley CEO di Ducati.

Soddisfatto il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli che ha apprezzato la grande partecipazione delle case auto, più numerose delle scorse edizioni e ha sottolineato l’importanza di un settore che «in 40 km di territorio impiego 140mila persone».

Festa fino a domenica

Il Motor Valley Fest proseguirà fino a domenica con numerosi eventi che coinvolgono tutti gli autodromi del territorio.

Gli appassionati potranno assistere dal vivo a un cambio gomme Ferrari, effettuare test drive, visitare mostre, come quella dedicato a Marco Simoncelli.

Paolo Tomassone 

 

Ultima modifica: 3 luglio 2021