MINI Recharged & Paul Smith: un’icona reinventata in modo sostenibile

292 0
292 0

Riutilizzo e trasformazione, ovvero upcycling di altissimo livello: un classico leggendario viene trasformato in un’auto elettrica di nuova concezione per una guida senza emissioni. Sir Paul Smith, noto da tempo ai fan dell’iconico marchio britannico attivo da oltre 50 anni, è la mente creativa di questa collaborazione. La presentazione di questo progetto sostenibile si tiene durante il Salone del Mobile 2022 di Milano, perfetto palcoscenico per Sir Paul Smith e Oliver Heilmer, Head of MINI Design, per discutere di approcci sostenibili al design automobilistico.

Solo la scorsa estate, Paul Smith ha presentato la MINI STRIP al Salone dell’Automobile di Monaco: una concept car radicalmente ridotta e sostenibile. Il modello MINI Recharged di Sir Paul Smith rivisita ora questa idea per esplorare le possibilità del design sostenibile. “Tre caratteristiche descrivono perfettamente quest’auto: qualità, sostenibilità e funzionalità“, spiega il designer. 

Un’auto che rispetta anche il passato“, aggiunge Smith. Con questa one-off, Paul Smith rivisita un progetto che va ancora più indietro nel tempo e che lo lega a MINI da oltre 20 anni: nel 1998 ha creato la MINI Paul Smith Edition, limitata a 1.800 veicoli. Il prototipo di questa edizione unica fu dipinto di un blu brillante, basato su un campione preso da una delle camicie preferite di Paul Smith. Il nuovo modello unico conserva questa tonalità di colore inconfondibile e memorabile, mentre la scatola della batteria verde lime richiama una palette di colori degli anni ’90. Nonostante il restyling, tuttavia, l’anima originale dell’auto rimane. 

Il progetto è legato anche al rispetto dell’eredità e del design senza tempo, con un occhio di riguardo al lavoro iconico di Sir Alec Issigonis, creatore della prima Mini. “Quando ci si trasferisce nell’appartamento di una vecchia zia, per rispetto non si cambia tutto, ma lo si modernizza un po’”, dice Smith. Sir Alec Issigonis ha sviluppato la Mini classica in risposta alla crisi petrolifera del 1959. Consumo minimo di carburante, massimo utilizzo dello spazio: questa è stata l’idea che ha convinto milioni di persone per molti decenni a investire in una Mini, ed è ancora una parte importante del successo di MINI oggi.

L’essenza radicalmente ridotta e sostenibile della MINI Strip viene riportata  anche negli interni dell’auto di nuova concezione. Tralasciando volutamente le parti di rifinitura, la scocca con il pianale nudo e non rivestito domina l’interno, con sopra i tappetini rustici in gomma riciclata. Oltre ai materiali innovativi e che consentono di risparmiare le risorse, il design di Paul Smith esclude interi strumenti in altri punti: un magnete accanto al volante ospita lo smartphone che, a parte il tachimetro, sostituisce quasi tutti i vecchi pulsanti e funzioni del cruscotto. Il volante può essere completamente rimosso per facilitare l’ingresso e l’uscita dall’auto – una soluzione innovativa e una battuta ironica, simbolo dell’arguzia tipica di Paul Smith. 

 Abbiamo reso un’auto degli anni ’90 totalmente attuale“, così la descrive lo stilista. “Le idee non sono mai un problema, si possono trovare ovunque. La sfida è metterle in pratica. Qui ha funzionato. Un sogno è diventato realtà“, afferma.

Anche gli ingegneri di ‘Recharged Heritage Limited’ sono responsabili della realizzazione di questo sogno.

Il nuovo partner di MINI ha trasformato la Mini classica in un veicolo senza emissioni, installando un motore elettrico da 72 kW.

Per evidenziare questo design unico durante il Salone del Mobile 2022 di Milano, lo showroom Paul Smith sarà progettato con gli straordinari colori della MINI Recharged by Paul Smith. Al Salone del Mobile, i visitatori avranno l’opportunità di vedere di persona il nuovo modello e la MINI STRIP dello scorso anno. 

 

 

Ultima modifica: 8 giugno 2022

In questo articolo