Pontiac: una divisione delle General motors

6094 0
6094 0

Pontiac Firebird Trans Am è la celebre autovettura della famosa e fortunata serie televisiva americana “Supercar”. Esaminiamo questo leggendario veicolo.

Supercar è senza dubbio un telefilm che ha fatto sognare tutti gli appassionati di autoveicoli avveniristici. Se per certi versi Supercar era un telefilm incredibile e quasi assurdo, certamente dalla pellicola emerge più di un dettaglio profetico. L’automobile della celebre serie americana è ormai nel cuore degli americani e non solo; l’autoveicolo utilizzato per le riprese della serie televisiva Supercar, era la mitica Pontiac Firebird Trans Am.

La serie televisiva, il cui nome originale era “Knight Rider”, andò in onda per la prima volta negli Stati Uniti d’America, nel 1982. La serie fu prodotta fino all’anno 1986. Il protagonista di Knight Rider è David Hasselhoff, prima che intraprendesse la professione di bagnino. Il personaggio interpretato nel telefilm è quello di Michael Knight, il classico giustiziere solitario, che dedica la propria vita a combattere il crimine e il male. Il personaggio del telefilm è affiancato da un’auto sensazionale, in grado di aiutarlo e sostenerlo nella sua lotta al crimine. Il nome in codice dell’autoveicolo fantascientifico è Kitt, che è l’acronimo di Knight Industries Two Thousand.

Kitt è in grado di fare cose a dir poco incredibili. L’automobile è in grado di guidare da sola, di parlare e di ragionare in maniera intelligente ed autonoma; Kitt è assolutamente invulnerabile, in grado di sparare raggi laser e fiamme e di compiere balzi che ricordano le imprese del Generale Lee, nell’altra famosa serie televisiva americana, con un’automobile protagonista: stiamo ovviamente parlando di Hazzard. Come dicevamo prima, il telefilm Supercar, per certi versi è stato certamente profetico; oggi si parla infatti moltissimo del concetto di guida autonoma; forse l’ispirazione degli ingegneri, nasce proprio da questo telefilm.

Firebird l’auto di supercar

Sotto la dura corazza nera di Kitt, la fantastica automobile della serie televisiva americana, si cela una Pontiac Firebird Trans Am, prodotta nel 1982. L’azienda automobilistica Pontiac, è stata per molti anni una divisione del gruppo General Motors. Il marchio Pontiac ha definitivamente chiuso i battenti, nell’anno 2010. Questo marchio ha fatto la storia, soprattutto nella realizzazione del suo modello più conosciuto; si tratta ovviamente della Firebird, costruita dall’anno 1967 all’anno 2002. La Firebird ha rappresentato negli anni un classico modello di auto sportiva di fascia bassa.

Questo autoveicolo era stato ideato e realizzato per una clientela giovane, priva di una disponibilità economica importante e quindi non in grado di potersi permettersi la sportiva di fascia più altra Chevrolet Camaro. Di fatto, Pontiac Firebird, nelle sue linee e nel suo design è probabilmente stata una piccola Camaro. I player concorrenti di Pontiac Firebird in quegli anni, furono Ford con il modello Mustang, e in particolare la celebre Mercury Cougar.

Pontiac Firebird Trans Am, era certamente il top di gamma della casa di produzione americana. Il modello di Firebird che venne utilizzato nel telefilm Supercar, fa parte della terza generazioni del modello prodotto da Pontiac; questa serie fu prodotta dal 1982 al 1992. L’autoveicolo era equipaggiato con un motore V8 5.0; la sua potenza era molto limitata, dal momento che era un motore da soli 145 cavalli. Nell’ultima versione, ovvero il modello Firebird 2002 Trans Am, il veicolo montava sempre un motore V8, con una cubatura di 5,7 litri, erogando una rispettabile potenza di 325 cavalli; in questo caso l’accelerazione era di 0-100 in circa 5 secondi.

Prima generazione

Pontiac Firebird è una vettura di categoria pony, prodotta dalla casa di produzione automobilistica Pontiac. Di Firebird ne furono prodotte quattro serie, a partire dall’anno 1967, fino ad arrivare al 2002. Firebird fu introdotta nel mercato, lo stesso anno nel quale fu introdotta Chevrolet Camaro. La prima generazione di questo autoveicolo, fu prodotta dall’anno 1967 all’anno 1969. La messa in commercio avvenne nel 1967, cinque mesi dopo la messa in commercio della Chevrolet Camaro. Con quest’ultimo autoveicolo, Firebird, condivideva il telaio e alcune parti della carrozzeria, come ad esempio il paraurti anteriore, il paraurti posteriore e le portiere.

Furono inizialmente disponibili per Pontiac Firebird, cinque propulsori con 6 e 8 cilindri. I motori 230 erano dotati di cambi manuali, dotati di 3 o  4 marce; in alternativa i motori erano dotati di cambio automatico a due velocità. Alcuni motori inoltre montavano cambi automatici a tre rapporti. Nel 1968 la prima generazione di Firebird, fu leggermente modificata da un punto di vista estetico. Da un punto di vista invece meccanico, gli ammortizzatori posteriori vennero migliorati e la gamma dei motori venne notevolmente migliorata. Venne introdotto il propulsore Ram Air II, da 340 cavalli. Alcuni motori ricevettero dei potenziamenti.

Nell’anno 1969, il restyling fu decisamente più importante; esso riguardava più che altro il design della carrozzeria e non gli interni. Nel 1969 fu introdotta per la prima volta, la versione Trans Am, che fu equipaggiata con un propulsore 303 V8; in questo modo l’autoveicolo poté partecipare alle competizioni della SCCA. L’automobile che partecipava alla manifestazione era verniciata di bianco con una decalcomania a strisce da gara blu.

Seconda generazione

Nel 1970 fu creata la seconda generazione di Pontiac Firebird. Confrontata alla prima generazioni del modello Firebird, la seconda generazione era caratterizzata da una linea decisamente più pulita ed aerodinamica. Anche le sospensioni furono ricalibrate; fu inoltre aggiunta una barra stabilizzatrice che avrebbe migliorato la manovrabilità dell’autoveicolo. La seconda generazione di Firebird era disponibile con quattro tipologie di motori diversi. I motori montati sulla seconda Firebird erano i seguenti: Chevrolet 250 I6 da 155 cv Pontiac 350 V8 da 255 cv; Pontiac 400 V8 da 300 cv; Pontiac 455 v8 da 355 cv; Pontiac Ram-Air IV da 370 cv (solo Trans-Am).

Il modello Trans Am era dotato di un numero maggiore di prese d’aria, che andavano a migliorare il raffreddamento di tutte le varie componenti della vettura. Vi erano inoltre più appendici aerodinamiche, in modo da garantire al veicolo, un miglior scarico aerodinamico. Alcuni veicoli del modello Trans Am, furono equipaggiati con un motore Ram-Air V da 350 CV. Successivamente nell’anno 1971 vennero effettuate delle modifiche per quanto riguarda invece i propulsori. Le modifiche vennero effettuate per adeguarsi alla legge; essa prevedeva infatti che ne fossero dotate le automobili a benzina senza piombo, per limitare le emissioni nocive. Venne introdotto un nuovo propulsore e vennero ritirati i vecchi propulsori Ram Air, sostituiti da modelli 455 V8.

 

Ultima modifica: 29 Marzo 2018