Trasporto di farmaci a temperatura controllata, la telematica di Geotab supporta Univex nel monitoraggio costante e in tempo reale della flotta

182 0
182 0

Con oltre 250 veicoli tra cui van e minivan, Univex SRL – società internazionale in forte espansione, impegnata nella distribuzione di farmaci e parafarmaci a temperatura controllata – ha scelto Geotab per ottimizzare la gestione e il monitoraggio automatico della propria flotta. Grazie alla soluzione telematica implementata e alla ricchezza delle informazioni veicolari raccolte, Univex ha potuto gestire i propri mezzi in modo più efficiente e veloce, garantendo contestualmente il rispetto della catena del freddo, fondamentale per preservare le proprietà dei prodotti trasportati.

L’esigenza di Univex

Fin dall’avvio delle attività, Univex ha implementato un sistema di monitoraggio e analisi dei dati provenienti dalla movimentazione dei prodotti medicali. Tuttavia, con l’aumento del numero dei mezzi e delle informazioni necessarie, tra cui la geolocalizzazione, la soluzione inizialmente adottata si è rivelata poco flessibile e non predisposta a future espansioni.

Per l’azienda era innanzitutto imprescindibile poter monitorare in modo automatico e in tempo reale la temperatura dei vani di carico, per garantire la corretta conservazione dei prodotti durante la fase di trasporto. Inoltre, una reportistica con dati puntuali si è rivelata strategica sia per organizzare e ottimizzare le consegne, migliorando le performance operative, sia per offrire al cliente la tracciabilità puntuale della spedizione.

Univex ha quindi identificato i limiti del sistema in essere e scelto la soluzione di un Business Partner autorizzato di Geotab, con l’obiettivo di beneficiare di una migliore gestione della flotta, più efficiente e ottimizzata in termini di opportunità di business, precisione e versatilità.

La risposta di Geotab

Per rispondere alle nuove esigenze e anticipare possibili espansioni future, applicando logiche di scala maggiore per offrire un servizio equiparabile a quello di un corriere espresso, Univex ha equipaggiato i mezzi della propria flotta con il dispositivo telematico GO9 di Geotab.

Grazie alla soluzione basata su MyGeotab, l’azienda è quindi in grado di rilevare in qualsiasi momento non solo a che temperatura sia la merce, ma anche dove si trovi (in magazzino o in viaggio). Ogni volta che i mezzi raggiungono la farmacia precaricata sul sistema, infatti, viene rilasciato un avviso associato alla targa del veicolo: in questo modo, è possibile sapere con precisione quando è stata fatta la consegna e tutelare maggiormente anche il trasportatore stesso.

La ricchezza del dato telematico, la facilità di installazione dell’hardware e la possibilità di customizzazione sono state le leve fondamentali che hanno guidato Univex nella scelta di una soluzione telematica. La connessione API di MyGeotab consente infatti ai dispositivi di raccogliere informazioni strategiche per il business: spedizioni a orario definito, pronte partenze, costante monitoraggio e mantenimento della catena del freddo sono solo alcune delle funzionalità abilitate dalla soluzione, che hanno permesso all’azienda di soddisfare al meglio ogni specifica richiesta dei clienti e mettere loro a disposizione in real time la completa tracciabilità del percorso e delle temperature dei mezzi.

Inoltre, la possibilità di personalizzare la piattaforma ha consentito di indirizzare al meglio le esigenze della flotta, abilitando report personalizzati e notifiche di allarme in caso di anomalie della temperatura. MyGeotab permette poi, tra le sue funzionalità, di migliorare l’efficienza dei veicoli rispetto al consumo di carburante e di ridurre al minimo le emissioni di CO2 mediante analisi comparative e report.

La soluzione di Geotab per il monitoraggio in tempo reale e in modo automatico della flotta e della temperatura del vano di carico ci ha permesso di offrire servizi con un elevato livello di professionalità, per differenziarci rispetto agli altri operatori” ha dichiarato Gianluca Lanata, Amministratore di Univex. “Inoltre, la telematica di Geotab ci ha fornito un supporto decisivo anche per quanto riguarda la parte di driving behavior. Ora, infatti, siamo in grado di realizzare report più dettagliati sull’utilizzo dei mezzi, tra cui quello sulla partenza a freddo: monitorando la temperatura del liquido di raffreddamento e i giri del motore, riusciamo a tenere sotto controllo i conducenti che non utilizzano correttamente i nostri mezzi e che possono potenzialmente comprometterne l’affidabilità e la durata”.

Il risultato

La normativa italiana, le linee guida europee e l’interesse del settore farmaceutico a non deludere le aspettative del mercato determinano la richiesta di consegne ad alta frequenza e, quindi, di veicoli equipaggiati in modo adeguato. Anche l’elemento “sicurezza” diventa un aspetto qualificante per garantire le massime condizioni di igiene e tutela dell’efficacia dei principi attivi dei farmaci movimentati, per i quali è imprescindibile rispettare le condizioni indicate circa la temperatura di conservazione e gli standard di tracciabilità.

L’integrazione della soluzione di Geotab nella flotta di Univex ha quindi permesso all’azienda non solo di rispettare i requisiti normativi, ma anche di incrementare la produttività: sono infatti stati registrati risparmi di tempo del 25% circa, nonché miglioramenti delle attività logistiche derivanti dall’ottimizzazione dei percorsi dei driver.

Come leader globale in ambito IoT e veicoli connessi, siamo orgogliosi di aver offerto a Univex una soluzione flessibile e customizzabile, in grado di ottimizzare le performance in un settore tanto strategico oggigiorno come quello medicale” ha affermato Fabio Saiu, Director Geotab Italia e Director, Leasing & Renting Europe. “Nell’instabile situazione pandemica causata dalla pandemia da COVID-19, infine, la flessibilità offerta dalla telematica di Geotab ha permesso di gestire attività aggiuntive di trasporto a temperatura controllata, tra cui la consegna di medicinali anche a privati immunodepressi o con problemi motori, che non avevano la possibilità di recarsi in ospedale o per cui era necessario evitare i contatti con l’esterno”.

Ultima modifica: 15 aprile 2021