Toyota GR Yaris H2: il prototipo a idrogeno debutta al Rally di Ypres, in Belgio

622 0
622 0

Il concept con motore a combustione alimentato a idrogeno Toyota GR Yaris H2 (di cui abbiamo parlato in questo articolo) debutterà per la prima volta in pista in Belgio, in occasione del Rally di Ypres, nel weekend del 20 / 21 agosto. Alla guida ci sarà l’ex pilota finlandese Juha Kankkunen, quattro volte campione nella categoria WRC.

La berlina a idrogeno farà dunque un debutto dinamico impegnativo, dopo mesi di test e messe a punto. Toyota da tempo sta puntando sulle tecnologie a idrogeno, partendo da una Toyota Corolla modificata che utilizza una versione alimentata a idrogeno del motore turbo a tre cilindri da 1,6 litri della GR Yaris: il prototipo è già in pista nella serie di gare Super Taikyu in Giappone.

L’idea alla base di questo sforzo è semplice: trasformare le auto in veicoli a emissioni zero in modo conveniente, utilizzando tradizionali motori a combustione leggermente modificati in modo tale da poter sfruttare l’idrogeno come combustibile. L’uso di questa tecnologia, dice Matt Harrison, CEO di Toyota Europe, permetterebbe all’azienda di “ottenere quasi zero emissioni dallo scarico senza elettrificazione, mantenendo le cose che i fan amano di più sulle auto da corsa: la velocità e il rumore”.

Per la Toyota GR Yaris H2 impegnata al Rally di Ypres sono state adottate alcune modifiche essenziali, come il rafforzamento del blocco motore e un sistema di iniezione migliorato. Secondo il responsabile del gruppo propulsore, Thiebauld Paquet, la GR Yaris H2 è in grado di raggiungere efficienze e prestazioni simili alla sua controparte a benzina. Ma non ci sono dettagli in merito.

Toyota non ha fornito informazioni su una possibile messa in produzione della GR Yaris H2, ma è evidente che la tecnologia su cui si basa può essere un buon ponte verso una mobilità senza emissioni. Harrison ha infatti affermato: “Il messaggio edificante della Toyota GR Yaris H2 è questo: anche in un futuro a emissioni zero potremo ancora goderci emozioni automobilistiche simili a quelle di cui godiamo oggi”.

Ultima modifica: 16 agosto 2022