Spider e Cabriolet, la festa delle scoperte dal 1° al 3 aprile

546 0
546 0

Viaggiare a cielo aperto, è un’esperienza straordinaria e indescrivibile, le sensazioni di guida con il tetto aperto non si possono paragonare a nulla. Il vento che si adegua alla   velocità, l’aria fresca che accarezza il volto, il sole che riscalda l’abitacolo Tutto questo ha un solo nome: Spider, o Cabriolet.

Grazie al prestigio e alla qualità degli espositori presenti al Centro Fiera, a Montichiari si potranno vedere auto da sogno, emozionandosi grazie al fascino delle auto aperte. Tra le meraviglie a quattro ruote da ammirare in fiera ci saranno una stupenda Lancia Aurelia B24, portata in fiera da Luzzago 1975, auto che il direttore del Centro Stile Pininfarina commentò: “Quando vedi una Aurelia B24 non ti basta guardarla, avresti voglia di toccarla”, oppure la Fiat 500 Spiaggina proposta da Best Deal, denominazione che deriva da una delle prime vetture di questo tipo, la Fiat 500 Boano Spiaggia del 1958, realizzata da Mario Boano.

Di grande fascino anche la Chevrolet Corvette Stingray convertible esposta da Autoluce, con un motore 6.2 V8 in grado di erogare una potenza massima di 489 CV e di scattare da da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi, toccando una velocità di punta di 296 km/h. Da segnalare poi la Porsche 911 3300 Turbo cabriolet o la Jaguar XK 120 1953 a Montichiari grazie a Motor Sport, sportiva di lusso prodotta dal ‘48 al ‘54, al tempo del suo lancio, la vettura di produzione standard più veloce al mondo. E ancora Ferrari, Mercedes, Alfa Romeo, Austin, Lincoln, Cadillac e molti altri ‘gioielli’ da restare incantati.

Di seguito una sintetica panoramica di alcune tra le molte auto che si troveranno in Fiera, tra caratteristiche e curiosità.

La Morris Garages, universalmente conosciuta come MG, è una casa automobilistica inglese attiva dal 1922  che si costruì una solida reputazione di costruttore di auto sportive, che puntavano sulla leggerezza e sulla semplicità. La MG A ed in seguito la MG B sono tra le spider più vendute ed apprezzate al mondo.

La Triumph iniziò a costruire auto nel 1921 ma fu nel secondo dopoguerra che si fece conoscere nel mondo intero con le proprie vetture, tra le quali le celebri roadster TR  (Triumph Roadster), che vennero prodotte fino agli anni ottanta e la piccola Spitfire (1963) disegnata da Giovanni Michelotti

La Jaguar Cars Ltd. nacque nel 1931. Dopo la guerra il governo inglese fornì acciaio e alluminio a prezzi di favore alle industrie che esportavano nei paesi a moneta forte e la Jaguar pensò ad un modello da vendere massicciamente anche negli Stati Uniti. Nacque così l’elegantissima XK120 che ebbe un grande successo di vendite. Nel 1961, venne presentata la E-type, auto iconica con la quale la Jaguar raggiunse l’apice della notorietà.

La Mercedes 190SL, è una roadster prodotta dal 1955 al 1963. Nel 1952 Max Hoffmann, importatore per gli stati Uniti sollecitò i vertici Daimler-Benz a progettare e realizzare un auto accessibile ad un ampio pubblico e con carrozzeria aperta. Queste furono le premesse che motivarono la progettazione e la produzione della 190 SL che oggi è sinonimo di eleganza e classe.

L’Alfa Romeo Spider, comunemente conosciuta come “Duetto“, è una vettura sportiva scoperta prodotta dall’Alfa Romeo tra il 1966 e il 1994. È uno dei modelli più noti ed è il più longevo nella storia della casa milanese prodotta ininterrottamente per 28 anni suddivisa in 4 serie successive. Fu l’ultima vettura nata sotto l’egida del grande carrozziere torinese Battista “Pinin” Farina che morì poche settimane dopo la presentazione al pubblico della “Duetto”, avvenuta il 10 marzo 1966 al 36º Salone di Ginevra.

La Porsche 356 fu prodotta ininterrottamente dal 1948 al 1966 e può essere considerata il primo modello di serie prodotto dalla casa di Stoccarda. E’ una vettura che ha fatto epoca, e che vantava eccezionali livelli di leggerezza, affidabilità e tenuta di strada e che spianò la strada alla futura Porsche 911.

La Fiat 124 Sport Spider è una cabriolet sportiva prodotta dalla FIAT dal 1966 al 1985. Presentata al pubblico nel novembre del 1966 al salone dell’automobile di Torino, la sua produzione fu principalmente esportata negli Stati Uniti d’America dove ottenne un grande successo. La spider fu progettata  da Pininfarina e lo stile è opera di Tom Tjaarda.

La Spiaggina è un tipo di auto scoperta per il tempo libero, destinata prevalentemente all’uso estivo, nelle località turistiche. Si distingue da altre tipologie di automobili per essere priva di portiere e padiglione, quest’ultimo generalmente sostituito da tendalino con centine o laminato amovibile. Gli interni sono realizzati con materiali resistenti all’acqua. La nascita delle automobili tipo spiaggina si colloca nell’immediato dopoguerra ad iniziativa di alcuni carrozzieri italiani che trasformarono utilitarie della produzione di serie allo scopo di renderle adatte alle esigenze di alcuni facoltosi clienti, durante il periodo di villeggiatura nelle località balneari.

Da ricordare anche una Auto Morgan, vettura da turismo del 1971, di proprietà del Comune di Montichiari proveniente da un lascito-donazione, che viene esposta al pubblico dopo molto tempo.

I raduni a Spider e Cabriolet

Infine vanno ricordati i raduni che faranno da cornice all’esterno della Fiera, quello dell’HRC Fascia d’oro di Montichiari che proporrà auto straordinarie e quello del club Z3mendi con le bellissime BMW Z3.

Ultima modifica: 31 marzo 2022

In questo articolo