Renault: gli ingegneri hanno usato il LEGO per progettare i motori ibridi

298 0
298 0

Le idee più innovative sono spesso frutto di immaginazione, fantasia e gioco. L’esempio perfetto arriva da Renault: l’azienda francese ha infatti messo a punto il suo powertrain Hybrid E-TECH (in dotazione a Captur e Clio di nuova generazione) partendo da un modello realizzato con i mattoncini LEGO.

Renault Hybrid E-Tech - Progettato con il LEGO 1
Renault Hybrid E-Tech – Progettato con il LEGO (Foto: Renault)

La storia è curiosa e ha per protagonista Nicolas Fremau, esperto di architettura ibrida per Renault. L’ingegnere, incaricato appunto da Renault di trovare una soluzione semplice e innovativa per creare il powetrain ibrido più efficace ed efficiente, racconta di aver avuto l’illuminazione guardando suo figlio: “Quando l’ho visto giocare con i pezzi di LEGO Technic a casa, mi sono detto ‘beh, non è poi così diverso da quello che mi piacerebbe fare’. Quindi, ho comprato ciò che mi occorreva, pezzo per pezzo, per avere tutti gli elementi da assemblare”.

Nicolas Fremau ha dunque passato le vacanze di Natale 2017 giocando letteralmente con il LEGO, provando a creare il modello per la nuova trasmissione ibrida Renault che aveva fino a quel momento immaginato solo sulla carta. “Dopo una ventina di ore di lavoro, sotto l’occhio un po’ sorpreso di mio figlio, è nato il modellino”, spiega Fremau nel video qui sotto.

Nicolas ha assemblato assi, pistoni, mattoncini, collegando il tutto a un motorino elettrico per dare addirittura prova del funzionamento. Non solo è riuscito a ricreare ciò che aveva in mente, ma Fremau ha ammesso di aver scoperto addirittura delle soluzioni a cui non aveva nemmeno pensato, proprio grazie alla versatilità del LEGO.

Fremau ha dunque poi presentato il modello ai suoi superiori, gli ingegneri Rémi Bastien e Gérard Detourbet (quest’ultimo scomparso nel 2019), che hanno ben gradito l’idea.

Renault Hybrid E-Tech - Progettato con il LEGO 2
Renault Hybrid E-Tech – Progettato con il LEGO (Foto: Renault)

“Renault è sempre stata un’azienda molto aperta, soprattutto quando si tratta di ricerca”, dice Fremau, “Ma il giorno in cui ho portato il modello al project manager Gérard Detourbet e al direttore della ricerca Rémi Bastien, non sapevo come avrebbero reagito. Hanno camminato intorno al modello, l’hanno toccato e hanno capito che avevamo un oggetto reale. E ricorderò sempre l’osservazione di Gérard Detourbet: ‘Se riusciamo a farlo con il LEGO, funzionerà!'”.

Appurata la bontà dell’idea, ecco la sfida: realizzare il powertrain Renault Hybrid E-TECH e installarlo su un’auto reale entro 18 mesi.

Il resto è storia.

Ultima modifica: 19 aprile 2021

In questo articolo