Il più grande camion da miniera a idrogeno è firmato Anglo American

561 0
561 0

La britannica Anglo American, una delle società minerarie più importanti del mondo, ha recentemente presentato un prototipo del camion da miniera alimentato a idrogeno più grande mai realizzato.

Il più grande camion da miniera a idrogeno è firmato Anglo American 3
Il più grande camion da miniera a idrogeno è firmato Anglo American (Foto: Anglo American)

L’enorme camion, che non ha ancora un nome, è alto tre piani e pesa ben 200 tonnellate a vuoto. La società non ha rilasciato dettagli precisi sulla propulsione. Si sa solamente che il camion è dotato di un pacco batteria da 1,2 MWh, otto celle a combustibile a idrogeno ed è in grado di erogare fino a 2.719 cavalli di potenza, provenienti da un insieme di motori elettrici (non sappiamo quanti). Il gigante da miniera di Anglo American può trasportare fino a 290 tonnellate di materiale.

Leggi anche: Caterpillar e BHP al lavoro per realizzare camion da miniera elettrici

La realizzazione di questo prototipo ha richiesto un lavoro di quasi tre anni. Il veicolo si basa su un modello tradizionale diesel, che di norma andrebbe a consumare circa 900 mila litri di carburante all’anno.

Il più grande camion da miniera a idrogeno è firmato Anglo American 1
Il più grande camion da miniera a idrogeno è firmato Anglo American (Foto: Anglo American)

“Nei prossimi anni prevediamo di convertire o sostituire la nostra attuale flotta di camion diesel con questo sistema di trasporto a zero emissioni, alimentato a idrogeno”, dice Duncan Wanblad, amministratore delegato di Anglo American. “Se questo progetto pilota avrà successo”, continua il CEO, “potremo eliminare fino all’80% delle emissioni di diesel nelle nostre miniere a cielo aperto”.

Il veicolo, come già detto, è un prototipo, ma la società ha già programmato l’adattamento di altri 40 camion diesel, per arrivare poi nel prossimo futuro alla completa conversione dell’intera flotta mondiale, ossia circa 400 mezzi da trasformare in mezzi a idrogeno.

Ultima modifica: 7 maggio 2022

In questo articolo