Pikes Peak International Hill Climb: quello che c’è da sapere

3450 0
3450 0

La Pikes Peak International Hill Climb rappresenta una delle più incredibili sfide in salita, in Colorado, su strada solitamente aperta al traffico. Definita anche la “corsa degli angeli” dato il suo picco di altitudine. Pensate, che è tra le più antiche sfide disputate negli States, seconda solo alla famosa Indy 500. Solitamente, viene organizzata durante l’ultima domenica di giugno. Il suo punto di partenza si trova a poco meno di 3000 metri di altitudine. Mentre, l’intero percorso di gara si smoda lungo circa 20 km, composti da ben 156 punti focali, tra curve e tornanti. La pendenza media del tracciato è di circa il 7%, con punte che raggiungono anche il 10.5%. Il punto d’arrivo è posto a 4.300 m di quota.

Pikes Peak International Hill Climb

La Pikes Peak è una sfida contro il tempo, circondata da un’atmosfera mozzafiato. E’ un percorso da 20 chilometri, attorniati dagli alberi per un lato, mentre dall’altro il vuoto di un precipizio. Il tutto attraverso 156 curve, ma ciò che è più duro da affrontare è senza dubbio l’altitudine, soprattutto per i motori, che risentono della rarefazione dell’aria. Il pericolo è insidioso e si trova praticamente ovunque. Ciò che conta è la capacità di affrontare la strada e le sue sfide. Il picco adrenalinico è al massimo, ma bisogna tenere duro se si vuole giungere in vetta senza mettere a repentaglio la propria vita.

La location è appunto quella della Pikes Peak, una montagna situata a 16 km ad ovest di Colorado Springs, esattamente alla punta orientale Un massiccio montuoso un tempo noto come Pike’s Peak, il cui nome deriva dall’esploratore americano Pike che la cartografò per la prima volta nel 1800. Pensate che nel 1873, l’esercito statunitense costruì proprio sulla sua cima una stazione meteo, che nel ‘900 poi venne tramutata in struttura per ricevimento turistico. Solo nel 1916 venne rese transitabile la strada che si portava al Pikes Peak, fu da allora che ebbe inizio la cronoscalata per auto e moto. Fu allora che nacque la prima edizione di questa incredibile race cronometrata.

Quando vedere la Pikes Peak International Hill Climb

La PikesPeak International Hill Climb è una sfida che si tiene a circa 20 km di distanza da Colorado Springs, in America, solitamente, nell’ultima settimana di giugno, salvo cambiamenti. La Pikes Peak è la più alta vetta della parte sud dell’area. Voluta dall’industriale e uomo d’affari Penrose, venne costruita la famosa Pikes Peak Highway, promuovere turisticamente ques’area. L’uomo investì, infatti, nella costruzione di ferrovie, ospedali, banche ed associazioni di beneficenza. Per questo la prima scalata di questa vetta prese il nome di Trofeo Penrose.

Come sottolineato, si tratta di una strada lunga quasi 20 chilometri, con una pendenza massima in alcuni tratti che sfiora l’11 % circa, snodandosi su 156 curve. Nel corso del primo tratto del percorso, si passa per una fitta foresta, mentre, nel secondo si giunge all’interno di un paesaggio a dir poco incredibile, dove spesso si incontra anche la neve. La Pikes Peak in passato era asfaltata solo in parte, mentre, dal 2002 ci si occupati dei lavori di completamento.

Anche i lavori per asfaltarla, seguirono un avicendarsi si stop e riprese. Le prime 6 miglia, infatti, vennero asfaltate nel corso degli anni ’50. Seguì un fermo, date le difficoltà atmosferiche alle quali si era costretti a lavorare, a causa di forti raffiche di vento, tormente di neve e gelo. Per questa ragione, la parte finale della salita, alungo restò in ghiaia. I lavori vennero ultimati solo dietro richiesta, in tribunale, di un’associazione ambientalista, intorno agli anni ’90, poiché si ritenne insostenibile per l’ambiente, la polvere alzata dai veicoli, che causava danni ingenti alla flora e alla fauna locale. L’intero lavoro di asfalto venne completato solo nel 2012.

Difficile descrivere l’adrenalina nel percorrere un tracciato simile, affrontando le sue 156 curve senza mai lasciarsi prendere dal panico e concentarndosi al massimo. Dimenticate i guard-rail, perché qui si corre lungo strapiombi e precipizi. La prima parte presenta pochi tornanti, mentre la seconda è per lo più in rettilineo, tanto da consentire di passare dai 150 km orari, ai 40, rallentando per poi ripartire. Qui non c’è da fare i conti solo con il percorso insidioso, ma anche con il tempo. Non dovrete sfidare solo curve e tornanti, ma il passaggio brusco da una calda giornata di sole , ad un improvviso nevischio.

Come raggiungere Pikes Peak International Hill Climb

 

La Pikes Peak Highway si trova su quella che viene chiamata la Montagna d’America, presso Colorado Springs, per giungere sino alla vetta estrema. Per giungervi, basterà prendere le uscite da Colorado Springs, verso la località di Cascade, lungo la US 24. Poco dopo, si giungerà al tratto iniziale del percorso. Vi è un costo per il pedaggio, che sarà bene controllare prima di intraprendere il viaggio. Bisogna anche tener conto degli orari di apertura, cui bisogna attenersi.

Di fondamentale importanza anche controllare quali siano le condizioni meteo prima di mettersi alla guida, poiché qui si tratterà di scalare circa 2.200 metri, lungo 30 km, prima di poter raggiungere la cima, che è posta ad un’altezza di 4.300 m. Da non sottovalutare neppure la pendenza, circa il 7% in alcuni tratti, mentre, in altri è del 10,50 %. Comincerete così la vostra scalata verso le nuvole, godendo di panorami a dir poco unici e incantevoli, ma anche selvaggi e aspri. Attenzione anche alle curve e ai tornanti, che si alterneranno a percorsi in rettilineo lungo la Pikes Peak Highway. Il percorso richiede, all’incirca due o tre ore di viaggio.

Dove alloggiare per vedere la Pikes Peak International Hill Climb

 

Per chi decida di fare un salto a questa sfida al’ultimo tornante, non necessariamente prendendovi parte in prima persona, ma solo per assistere alla gara, la scelta, senza dubbio migliore è quella di non alloggiare in strutture turistiche poste nelle vicinanze di Colorado Springs, ma all’interno dei caratteristici motel dove alloggiano anche le squadre che parteciperanno alla race. E’ proprio nei parcheggi di questi motel che si potrà vivere e assaporare la’utentico spirito della Pikes Peak.

Qui potrete divertirvi tra barbeque serali, tanta birra, stuzzicherie locali e i meccanici che ancora sino a notte fonda, continuano instancabilmente a lavorare sui loro veicoli, siano essi su quattro o due ruote. Da qui potreste anche fare un salto a quello che è noto come Devil’s Playground, vale a dire, il parco giochi del diavolo, il che lascia immaginare che tipo di percorso sia. Qui, infatti, il vero problema non è di sicuro la strada, ma l’altitudine che si dovrà affrontare. Una sterrata che sale a picco, con pendenze del 10%, dove si alternano curvoni e tratti in rettilineo. Meglio non guardare mai giù!

 

Dove mangiare alla Pikes Peak International Hill Climb

 

Nei pressi della location in cui si tengono le gare per la Pikes Peak International Hill Climb, si possono trovare diversi locali, pub, ristoranti e coffe e grill dove potrete concedervi un ottimo hot dog. Non solo, nei pressi della Pikes Peak ci sono anche rinomati ristoranti di sushi, ma anche di cibo italiano e messicano.

Qui si trovano anche le più importanti catene di ristoranti internazionali, per accontentare davvero chiunque. Potrete scegliere se gustare piatti tipici italiani, messicani, cinesi o giapponesi. Senza dubbio, il modo migliore per apprezzare questi luoghi è in ogni caso quello di fermarsi a gustare un panino in perfetto stile americano, con carne alla griglia, oppure concedersi degli spunti da finger food.

Ultima modifica: 19 Dicembre 2017