I monopattini in sharing di Bolt sbarcano a Milano

396 0
396 0

Bolt ha attivato a Milano il servizio di noleggio di monopattini elettrici. Nel capoluogo lombardo, dopo Torino, Modena, Reggio Emilia e Imperia sarà così possibile usufruire dei monopattini Bolt. Oltre a prezzi accessibili, l’azienda offre funzionalità di sicurezza integrate in app e incoraggia i clienti ad utilizzare il servizio in modo responsabile, dotandosi di casco e vietando l’uso in tandem dei monopattini. 

Bolt offre servizi di micromobilità in più di 230 città di 25 paesi europei e con 230.000 monopattini attivi si attesta come il più grande operatore di monopattini del Continente. L’arrivo a Milano rientra nella strategia di Bolt che prevede un ambizioso piano di investimenti nella micro-mobilità. L’azienda investirà infatti 150 milioni di euro entro il 2022 per implementare ulteriormente la diffusione di monopattini ed e-bike e per sviluppare soluzioni per aumentare la sicurezza e l’esperienza degli utenti. 

Sebbene il prezzo sia spesso il fattore più importante per chi noleggia un monopattino, Bolt dà priorità anche alla sicurezza e al parcheggio responsabile per garantire che le sue operazioni portino un valore aggiunto alle città. Come risultato, utilizza processi leader del settore software e hardware. Ad esempio, il toolkit di sicurezza in-app insegna agli utenti le norme stradali, e include una funzione chiamata ‘Beginner Mode’ che limita l’accelerazione del monopattino e la velocità massima in modo che il nuovo utente possa imparare ad utilizzare il monopattino in modo sicuro. 

Bolt offre i prezzi più convenienti sul mercato

L’azienda può raggiungere questo obiettivo grazie all’efficienza operativa e alla sua mentalità. I risparmi che ne derivano vengono poi trasferiti ai clienti. Nelle prime settimane dopo il lancio, sbloccare i monopattini sarà completamente gratuito, e il costo della corsa sarà di 0,05 € al minuto. Successivamente a tale periodo lo sblocco sarà gratuito mentre la tariffa di noleggio sarà di 0,22 € al minuto, con una tariffa massima di 9,99 € al giorno. 

L’azienda distribuirà 750 monopattini a Milano

I monopattini di Bolt sono dotati di GPS integrato per fornire dati sull’utilizzo dello stesso. Ogni mattina, Bolt ridistribuirà i monopattini nei punti designati. Per utilizzare il servizio di monopattini, gli utenti dovranno scaricare l’applicazione Bolt. I monopattini saranno dislocati da Bolt, nei punti di distribuzione ufficiali forniti dal comune. 

Le parole di Fabio Re, Country Manager per l’Italia

“La”Siamo davvero molto soddisfatti di aver raggiunto anche Milano con il nostro servizio di monopattini elettrici. L’inaugurazione delle attività di Bolt nel capoluogo lombardo dimostra la serietà della strategia di espansione di Bolt in Italia. I nostri monopattini grazie alla flessibilità delle condizioni di uso e a tariffe vantaggiose rappresentano un’opportunità di mobilità sostenibile per i cittadini.  micromobilità può alleviare il carico sul trasporto pubblico ed è perfetto per gli spostamenti del “primo ed ultimo miglio”. La nostra missione è ridurre la dipendenza dall’auto privata a livello mondiale. Crediamo che i nostri monopattini elettrici – con i loro prezzi accessibili, caratteristiche di sicurezza innovative e una piacevole esperienza di guida – possano essere estremamente utili soprattutto per una grande metropoli come Milano, ma anche per città di medie e piccole dimensioni.”

A Milano, come nelle altre città italiane in cui già opera, la super-app europea introdurrà il modello di monopattino Bolt 4 che è sicuro, facile da usare e sostenibile. Questo modello di monopattino è progettato e realizzato dalla stessa Bolt. Il suo peso ridotto lo rende facile da controllare, mentre il design modulare consente al team di hardware interno all’azienda di ripristinare i monopattini rotti invece di disattivarli. 

Anche a Milano ci sarà l’obbligo per gli utenti di doversi sottoporre all’alcool test prima di mettersi alla guida di un monopattino Bolt nelle ore notturne (00:00-04:00) del venerdì e del sabato. Tramite l’app di Bolt gli utenti dovranno effettuare un test cognitivo che valuterà i tempi di reazione. Il mancato superamento del test si tradurrà in un promemoria educativo che ricorda come guidare in stato di ebbrezza comporti un grave pericolo e sarà impossibile procedere al noleggio del mezzo. Tutto ciò è finalizzato a ridurre il numero degli utenti alterati dagli effetti dell’alcool.

In occasione del lancio dei suoi monopattini a Milano, Bolt testerà, per la prima volta, l’alert sonoro ambientale

I monopattini Bolt emetteranno un suono, avvisando così i pedoni dell’arrivo del mezzo. Tale dispositivo aumenterà esponenzialmente la sicurezza delle persone a passeggio, soprattutto degli individui non vedenti e ipovedenti che potranno rendersi conto del sopraggiungere di un monopattino ed evitare di essere investiti. L’ambient noise feature, che ha già ottenuto risultati soddisfacenti nelle altre città europee nelle quali è stata testata, si è resa necessaria in quanto i mezzi elettrici sono molto silenziosi e non ci si può quindi affidare all’udito per individuarli. La funzione è stata sviluppata internamente da Bolt per affrontare la sicurezza dei pedoni in modo proattivo. 

Durante i test condotti a Bologna nel 2021, Bolt ha collaborato con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, per assicurarsi che la funzione soddisfi le esigenze dei pedoni ipovedenti. 

Inoltre, l’azienda sta lavorando per elaborare un sistema di verifica relativo al parcheggio effettuato. Grazie al supporto dell’intelligenza artificiale, presto, sarà possibile ricevere conferma in tempo reale che il luogo in cui è stato parcheggiato il monopattino risulti idoneo a tale scopo. Bolt, con questa novità, intende contribuire ad evitare che i monopattini siano lasciati in aree non adatte creando disagi piuttosto che rappresentare un vantaggio per le città e i cittadini. 

E’ al lavoro per sviluppare anche ulteriori nuove soluzioni che tengano conto di tutti gli utenti della città. Le innovazioni, al momento in fase di ultimazione, saranno poi applicabili anche ai mezzi già presenti sul territorio. 

Leggi ora: tutte le news su Bolt

Ultima modifica: 15 settembre 2022