Model 3, il 23% dei clienti ritira le prenotazioni e Tesla rimborsa

2251 0
2251 0

I problemi nella produzione della Tesla Model 3 sono stati amplificati dal numero altissimo di prenotazioni. Elon Musk aveva aperto gli ordini già un anno prima dell’arrivo sul mercato. Al momento del lancio, la scorsa estate, oltre 450 mila clienti avevano versato il deposito da 1.000 dollari per mettersi in lista.

Tesla aveva assicurato ai futuri proprietari che la vettura sarebbe stata consegnata nel 2018. Poi ci sono stati i famosi problemi nella produzione, che si stanno risolvendo solo ora. Secondo i dati forniti da Second Measure, alla fine di aprile erano stati rimborsati il 23% dei depositi ai clienti che lo avevano chiesto.

Le prenotazioni sono totalmente rimborsabili fino a quando non si configura la vettura. Un’operazione per la quale serve un’ulteriore deposito di 2.500 dollari. Lo stesso blog sostiene che, sempre alla fine di aprile, solamente l’8% dei clienti aveva svolto questo passaggio.

Un portavoce di Tesla, sentito da Recode, ha dichiarato che i dati citati da Second Measure non sono quelli che risultano alla Casa. Ma non ha fornito ulteriori indicazioni. Nel primo trimestre del 2018, Tesla ha consegnato 8.180 Model 3. Entro la fine di giugno, Musk conta di assestare la produzione sulle 6 mila unità settimanali. La linea di produzione funziona 24 ore al giorno 7 giorni su 7.

Ultima modifica: 6 Giugno 2018