La cinese BYD taglia la produzione: uno degli impianti è troppo inquinante

489 0
489 0

L’azienda cinese BYD ha ridotto drasticamente la produzione in uno dei suoi impianti più importanti, presso la città di Changsha, nella provincia di Hunan. Lo stop non è determinato dal Covid-19 o dalla carenza di componenti elettroniche, ma dalle preoccupazioni sollevate dalla popolazione locale riguardo i livelli di inquinamento della fabbrica BYD.

Leggi anche: BYD presenta la nuova e-Platform 3.0 per auto elettriche e il concept Ocean-X

Molti residenti nella zona dell’impianto, infatti, hanno protestato, sostenendo che la fabbrica BYD sia responsabile dell’alto livello di inquinamento dell’ambiente circostante.

Alcuni sostengono anche che tale inquinamento abbia causato epistassi (sangue dal naso) ai bambini. Le autorità hanno risposto aprendo un’indagine sul sito di produzione di Changsha di BYD, che è stato dunque costretto a fermare le proprie attività.

Ultima modifica: 11 maggio 2022