Honda Collection Hall di Motegi, un museo speciale

2426 0
2426 0

Alla Honda Collection Hall di Motegi ci sono alcune tra le più grandi moto, da corsa e da strada, della storia. Kuniyoshi Iwata dirige questo museo in Giappone. La collezione comprende la storia del motociclismo dalla fine degli anni ‘40, quando Soichiro Honda iniziò la produzione con vetture, alimentate da generatori originariamente destinati all’alimentazione di trasmettitori radio.

La maggior parte delle motociclette sono Honda, ma la collezione presenta anche importanti modelli di altre marche.  Le stradali dalla prima creazione Honda e la sua prima superbike, la CB750, alle iconiche moto da strada degli anni ’70, ’80, ’90 e successivi. Presente anche l’intero arco della carriera agonistica della Honda, dai suoi primi piloti degli anni ’50 fino alle numerose incarnazioni della potente NSR500 a due tempi alle più recenti MotoGP RC211V, RC212V e RC213V.

Iwata negli anni ’80 e ’90, quando ha lavorato sulle mitiche  NSR500 di Freddie Spencer e Mick Doohan. Ora il suo compito è quello di mantenere quelle NSR500 e centinaia di altre macchine in perfette condizioni per l’esposizione nei musei e per l’uso in eventi in cui le moto sono guidate, con grande gioia degli appassionati di gare giovani e meno giovani.

Iwata e il suo team di cinque meccanici adorano il loro lavoro.

Manteniamo le moto in modo che siano pronte per funzionare in qualsiasi momento“, afferma. “Penso che sia un lavoro molto importante e ne sono orgoglioso. Le macchine sono robuste e resistenti, ma è difficile mantenerle quando sono molto vecchie. La maggior parte dei componenti che utilizziamo nelle macchine sono singole. Fortunatamente riceviamo molto supporto dal Centro R&D Honda Asaka [per motociclette] e da Honda Racing Development Sakura [per auto].

“Nella sala di raccolta mostriamo un totale di 350 mezzi, sia a due che a quattro ruote

Iwata guida molte delle motociclette, ma solo a bassa velocità quando sta facendo controlli di shakedown prima che le moto siano sfilate da altri ciclisti in occasione di eventi in Giappone e in tutto il mondo.

Non ha dubbi sulla moto preferita nella Collection Hall, la prima Honda NSR500. “Perché è la prima Grand Prix su cui ho lavorato come meccanico.”

Kuniyoshi Iwata
Kuniyoshi Iwata

 

L’NSR500 del 1984 è un ottimo esempio della passione di Honda per spingere i confini della tecnologia e dell’apprendimento non solo attraverso il successo, ma anche attraverso la mancanza di successo.NSR500 aveva il suo serbatoio del carburante situato sotto il motore e gli scarichi sopra il motore, l’opposto della norma. Non ha vinto il Campionato del mondo 500cc del 1984, ma ha insegnato molto a HRC sulla dinamica del telaio.

La sua auto preferita della collezione è la Honda T360 pick-up, la prima auto di produzione dell’azienda, rilasciata nel 1963, pochi mesi prima della sportiva S500.

Mi piace la T360 perché è stata la prima Honda a quattro ruote in vendita. Ricordo di aver visto un T360 consegnare riso quando ero bambino. E capisco la filosofia che Soichiro Honda ha usato nello sviluppo dell’auto.

Di recente Iwata ha avuto il suo giorno più intenso dell’anno, il Honda Racing Thanks Day di novembre, quando una serie di leggendarie macchine Honda ha corso giri di parata intorno a Motegi.

Le macchine che ottennero il più grande applauso dai 17.000 fan furono due dei mezzi da corsa più famosi di tutti i tempi: la Honda NSR500 cavalcata da Eddie Lawson al Campionato del Mondo 500cc del 1989 e la McLaren-Honda MP4 / 4 guidata da Ayrton Senna al 1988 Campionato mondiale di Formula 1.

Mi sento molto felice quando vedo le macchine che manteniamo guidate e guidate“, aggiunge Iwata. “Inoltre, mi rende molto felice quando vedo persone che si divertono guardando le macchine storiche. Le nostre macchine partecipano ad eventi in molti paesi, ma l’Honda Racing Thanks Day è sempre molto speciale per noi, perché accade così vicino alla Collection Hall e ci dà la possibilità di gestire molte delle nostre macchine storiche. ”

La Collection Hall è stata aperta nel 1998, realizzando il sogno del fondatore dell’azienda Soichiro Honda, che ha capito l’importanza di mostrare al pubblico la storia dell’azienda.

Le macchine non mentono mai : il successo arriverà sempre se sono davvero buone“, disse Honda. “Quindi mostriamo al mondo cosa abbiamo fatto. Possono vedere la vera Honda!

Ultima modifica: 2 Gennaio 2020

In questo articolo