Da Ferrari ad Aston Martin: Marco Mattiacci è il nuovo responsabile commerciale della casa inglese

743 0
743 0

Marco Mattiacci è il nuovo Global Chief Brand e Commercial Officer di Aston Martin. Lo ha annunciato la stessa azienda inglese.

Mattiacci ha trascorso oltre un decennio in posizioni dirigenziali di alto livello in Ferrari, con incarichi come Presidente e CEO di Ferrari North America, Presidente e CEO di Ferrari Asia Pacific e Amministratore Delegato e Team Principal della Scuderia Ferrari Formula 1.

Leggi anche: Aston Martin DBX 707, il suv di lusso più potente con 707 cavalli

Prima di approdare in Aston Martin, Marco Mattiacci ha lavorato per cinque anni come consulente senior per la società McKinsey & Company e per altre aziende, fornendo supporto su argomenti relativi all’automotive e alla mobilità. Del resto l’esperienza di Mattiacci si estende anche alla mobilità elettrica, avendo svolto in passato anche il ruolo di Chief Brand e responsabile commerciale per Faraday Future.

Mattiacci in Aston Martin si occuperà di guidare la crescita globale del marchio e a dare una direzione vincente alla futura strategia commerciale e di prodotto di Aston Martin. Fra i suoi compiti ci sono anche la supervisione dell’esperienza del cliente e l’integrazione del marchio nel mondo della Formula 1, cercando di sfruttare al meglio la capacità del motorsport di fungere da piattaforma di marketing.

Tobias Moers, CEO di Aston Martin, commenta così: “Sono lieto di dare il benvenuto a Marco in Aston Martin e non vedo l’ora di lavorare con lui e con il nostro team per accelerare la nostra roadmap verso nuovi prodotti mozzafiato”.

Mattiacci ha invece dichiarato: “Dopo aver goduto di affetto, passione e lealtà globali per 109 anni, Aston Martin sta ora accedendo a una nuova generazione di clienti con la sua nuova generazione di prodotti, un’esperienza ultra-lusso per il cliente e un ritorno alle corse nei Gran Premi. Lavorando come parte di un team esperto e appassionato, non vedo l’ora di essere il custode di questo marchio iconico”.

Ultima modifica: 9 febbraio 2022