Cavallino Classic Cup, come è andata la prima gara

229 0
229 0

Cavallino Classic Cup, la nuova serie di gare dedicata ai Ferraristi con un’anima racing, si è appena conclusa a Spielberg (Austria) nel coinvolgente circuito Red Bull Ring durante i Challenge and GT Days. 

La nuova e avvincente esperienza, svoltasi il 7 e l’8 giugno, è stata pensata per tutti i piloti che vogliono rispolverare le proprie Ferrari Challenge e che amano respirare il profumo di benzina e gomme. Con questa nuova avventura in pista ci si pone l’obiettivo di allargare ulteriormente i confini di Cavallino e promuovere la passione e la cultura del patrimonio storico Ferrari.

Le gare sono aperte a cinque generazioni di Ferrari Challenge, dalla prima 348 alla fantastica 458 Challenge EVO. L’esperienza in pista è stata un’opportunità unica per ridare vita alle fantastiche vetture e divertirsi in un ambiente amichevole, sportivo e coinvolgente fatto di eccellente spirito di squadra.

Il viaggio fra esperienza in paddock e gara in circuito ha permesso ai partecipanti di liberare tutta la potenza delle vetture Challenge e spingersi oltre i propri limiti. Giro dopo giro i piloti si sono contesi il podio assaporando appieno l’adrenalina da circuito.

Il primo podio del Cavallino Classic Cup

Sul podio al primo posto si è posizionato Alois-Harald Meir su Ferrari 458 Challenge. 

Al secondo posto si è classificato Christian Windischberger su Ferrari F430 Challenge. Infine, Augustin Sabatié-Garat su Ferrari 360 Challenge si è qualificato al terzo posto.

La prima stagione di Cavallino Classic Cup sarà caratterizzata da due ulteriori date, che andranno in scena in due dei circuiti italiani più iconici: il primo di ottobre si correrà al Circuito di Varano, mente il 22 e 23 di ottobre si gareggerà a Misano. Oltre alla gara, in ogni data ci saranno delle sessioni hot laps per i partecipanti non provvisti di equipaggiamento di sicurezza e licenza sportiva.

Leggi ora: Ferrari Hypercar, anteprima del bolide per la 24 ore di Le Mans

Ultima modifica: 14 giugno 2022

In questo articolo