I 10 SUV economici più venduti, la classifica di Autouncle.it

15557 0
15557 0

Ecco i SUV bestseller più economici per Autouncle.it. Ovvero quelli a meno di 10mila euro, usciti dopo il 2010, che avessero venduto almeno 100 esemplari negli ultimi due mesi.
Nello specifico, quelli che soddisfacessero gli standard abituali delle “occasioni interessanti” (ad esempio, con meno di 100mila km).

I 10 SUV economici più venduti, la classifica di Autouncle.it

Al primo posto stupisce un po’ trovare il Nissan Juke. Stupisce perché, spesso, pur sapendo che si tratta di un SUV low cost, in tanti non considerano che, nell’usato, l’auto si può trovare anche a cifre veramente irrisorie. Se nella classifica generale era al sesto posto, qui il Juke è primo in classifica.
Proposto in versione aggiornata, si è rinnovato nel frontale e nella coda oltre a vantare delle vistose colorazioni.

Mantiene la sua curiosa e simpatica linea, coi passaruota muscolosi e numerosi spunti decisamente originali. Dalla sua ha, come sempre, il prezzo molto competitivo.

Al secondo posto c’è un altro bestseller del SUV lowcost, la Dacia Duster. Uscita nel momento in cui i compatti iniziavano a farsi conoscere, la Duster ha venduto oltre 1 milione di esemplari in 7 anni. A Francoforte è stata presentata la seconda generazione, fedele alla linea, ma con accorgimenti più moderni.

Discorso simile per il Nissan Qashqai (terzo posto), capostipite degli urban crossover, con i modelli più vecchi rintracciabili a cifre davvero interessanti. Se l’auto inaugurò, appunto, a suo tempo, il settore, oggi (nonostante la concorrenza sia aumentata) si vendono addirittura più Qashqai rispetto a 10 anni fa.

Dal 2007 al 2016 l’Europa ne ha assorbiti oltre due milioni e 300 mila esemplari, e in Italia è incontrastato leader di vendite. E, in generale, lo scorso anno Nissan è stato il marchio più venduto a livello europeo (l’11,8% del mercato).

Tra le prime tre classificate e il resto della Top c’è un abisso, in termini di esemplari venduti. Si passa infatti dalle oltre 700 Qashqai alle 421 Fiat Sedici  (quarta). Posto metà italiano metà giapponese, dunque, con il SUV prodotto fino al 2014 che, soprattutto nell’ultimo periodo della sua vita, non è stato richiestissimo e dunque prodotto in pochi esemplari. Eppure, nell’usato ha ancora successo.

Non poteva mancare la Peugeot 3008 (quinto posto). La nuova versione è stata eletta “Auto dell’anno 2017” (la prima volta che un SUV viene insignito di questo prestigioso riconoscimento), con oltre 215mila modelli venduti in un anno, ed era inevitabile che il successo si ripercuotesse anche nella versione precedente, nell’usato, facendo aumentare ulteriormente le vendite.

L’auto di cui sicuramente si è parlato di più, al già citato Salone di Francoforte, è appunto la nuova VW T-Roc, con la quale la casa darà un bel filo da torcere alle avversarie. Intanto, è uscita la scorsa primavera la seconda generazione del VW Tiguan . Dopo quasi 10 anni di carriera (2007) il SUV medio è stato completamente riprogettato. Rispetto alle altre tedesche, ha dalla sua il prezzo basso dell’usato, soprattutto per diversi esemplari della prima generazione (sesto posto).

Dieci anni di carriera per un altro prodotto italiano, la DR DR5 (settima). Quasi introvabile nel nuovo, l’auto non è stata molto apprezzata. Per questo, le sue quotazioni continuano a scendere e, ovviamente, nell’usato è spesso cercata da chi vuole il SUV a meno di 5mila euro.

BMW continua a fare il botto nell’usato con la X3 (ottavo posto). Si tratta della seconda generazione. La prima non era molto interessante da guidare. Su asfalto era poco coinvolgente a causa delle sospensioni rigide e non garantiva di affrontare piste fangose ​​e terreni sconnessi come avrebbe fatto una Land Rover. Tuttavia, BMW ha poi creato una delle sue migliori auto di sempre.

Si aggiunga che nell’usato si trova a meno di 20mila euro e il gioco è risolto. Oltre al fatto che, al Salone di Francoforte, è appena stata presentata la terza generazione, che arriverà nei concessionari a novembre 2017, a sfidare modelli come Alfa Romeo Stelvio, Audi Q5 e Mercedes GLC.

Vita breve per la Chevrolet Captiva, sul mercato dal 2006 al 2015. Nel 2010 insieme alla Opel Antara viene sottoposta a un restyling. La commercializzazione in Europa terminò a causa dell’eliminazione del marchio Chevrolet. Tra i SUV low cost, nell’usato, è tra i migliori: sicura, agile e spaziosa all’interno.

Ciao ciao Yeti

A Francoforte è stata presentata, infine, anche la nuova Karoq, che ha già suscitato la curiosità di molti. Va ricordato che deriva dalla Skoda Yeti (decima), bestseller che, anche in Italia, continua il suo successo pure nell’usato. Adatta a qualsiasi terreno, alla prima generazione del SUV della casa ceca, pur con linee elementari nel design, non manca nulla.

 

Ultima modifica: 2 Ottobre 2017