Toyota: storia e primi modelli

4366 0
4366 0

Toyota nasce in via ufficiale nel 1933, quando l’azienda Toyoda Automatic Loom (dal 1890 dedita alla produzione di telai tessili) apre una filiale rivolta esclusivamente alle automobili.

Il capo della sezione è Kiichiro Toyoda. L’anno successivo realizza il primo motore, il Type A (un 3.4 a 6 cilindri in linea, 62 CV), sul modello di quelli esistenti sulle Chevrolet del 1929. Quindi, nel 1936, nasce la prima auto chiamata la Model AA. Visti i successi consecutivi ottenuti, Kiichiro Toyoda decide così di far divenire l’azienda una realtà indipendente dalla casa madre: infatti non utilizza più il nome di famiglia, optando invece per il noto nome di Toyota (gesto scaramantico: per scriverlo, in giapponese, servono otto colpi di pennello, un numero fortunato) e dunque vede la luce nel 1937 la Toyota Motor Company.

La Seconda Guerra Mondiale purtroppo frena l’ascesa della neonata società, che ricomincia la produzione di automobili soltanto nell’anno 1947.

Secondo modello prodotto è la SA: lo stile ricorda quello del ‘Maggiolino’ della Volkswagen. Nel 1950 la Toyota rifornisce, con cinquemila veicoli, l’esercito statunitense per la Guerra di Corea, mentre, l’anno seguente (1951), lancia sul mercato il BJ, un fuoristrada realizzato per usi militari, con motore 3.4 a 6 cilindri da 86 CV, antesignano dei Land Cruiser. Nel 1957, ecco la Crown, primo modello esportato negli Stati Uniti.

Negli anni Sessanta, Toyota si espande e sbarca in Europa nel 1962 con due versioni di Toyopet Tiara, mentre nel 1962 produce la prima automobile fuori dal Giappone, precisamente in Australia. Già nel 1968, poi, in Portogallo, l’azienda assembla i primi esemplari di vettura nel Vecchio Continente.

Nel 1975 il finlandese Hannu Mikkola regala alla casa la prima vittoria nel WRC al Rally dei 100 Laghi: la Toyota diviene primo marchio di importazione negli U.S.A. e raggiunge un milione di veicoli esportati. Lancia dunque tre coupé: MR2 nel 1985, Supra Mark III nel 1986 e Celica T160 nel 1987, arrivando ad un accordo con Volkswagen per produrre il pick up Hilux e creando nel 1989 il brand Lexus.

Nel 1992, inizia, con la Carina E (conosciuta comunemente con il nome di Corolla), la produzione nel Regno Unito, mentre nel 1997 ‘svolta’ sull’ibrido con la Prius XW10: sarà miglior motore dell’anno nel 1999. Il primo SUV è il Rav4, quindi, nel 2000 la Yaris XP10 è nominata Auto dell’Anno, mentre nel 2002 la casa debutta in Formula 1.

Infine, da segnalare come nel 2005 produca in Repubblica Ceca la Aygo insieme a Citroën e Peugeot, e come la Prius XW20 sia votata Auto dell’Anno. Soddisfazione nel 2009: la Toyota Camry di Kyle Busch vince il campionato NASCAR.

Ultima modifica: 25 Settembre 2017