Tutte le tipologie di motori in commercio

3776 0
3776 0

In commercio esistono auto con molti tipi diversi di motorizzazione. Di seguito ecco una guida completa con tutti i tipi di motori per automobile: benzina, diesel, GPL, ibridi benzina e diesel (anche plug-in), metano ed elettrici.

I diversi tipi di motori di auto

Ecco la lista completa in base al tipo di alimentazione:

  • Motore benzina
  • Motore diesel
  • Motore a GPL
  • Motore ibrido benzina
  • Motore ibrido diesel
  • Motore ibrido plug-in benzina
    • Motore ibrido plug-in diesel
  • Motore a metano
  • Motore elettrico

Da questo elenco discende che i motori delle automobili non sono tutti uguali: una volta erano solo a benzina, poi sono arrivati i diesel seguiti da modelli a GPL e a metano.

Negli ultimi anni, poi, i listini e le proposte di mercato, si sono arricchite con diverse soluzioni elettrificate: si è cominciato con i propulsori elettrici e poi è stata la volta di quelli ibridi (benzina o diesel) e ibridi plug-in (anch’essi a benzina o a gasolio).

Guida completa ai vari tipi di motorizzazione e alimentazione

Di seguito si troverà una guida completa a tutte le tipologie di motore per automobili in commercio: tutto quello che c’è da sapere sulle unità che spingono le nostre amate quattro ruote.

Motore benzina

Il motore a benzina è oramai su piazza dagli albori del motore a scoppio e a combustione! Questo tipo di motorizzazione offre un’esperienza di guida esaltante (e per questo è usato dalla stragrande maggioranza delle sportive e delle super-car) grazie a un’erogazione di potenza costante e reattiva.

Si consiglia l’auto con motore a benzina a chi percorre viaggi brevi in città e guida di rado in autostrada.

Motore diesel: caratteristiche

Il motore diesel emette meno CO2 rispetto a un motore a benzina, risulta anche più efficiente e in virtù di questa funzionalità, regala consumi bassissimi. Questo tipo di motore è consigliato a chi percorre oltre 20.000 km all’anno e guida raramente in città ma compie spesso viaggi chilometrici in autostrada o comunque effettua tragitti di lunga percorrenza.

Motore a GPL, indicazioni

Il motore a GPL emette poca CO2 ed è alimentato da un carburante economico che non intacca le prestazioni dell’auto (appunto il gas GPL).

Si tratta di un tipo di motore consigliato a chi percorre tanti chilometri (soprattutto in città, molte auto a gas possono circolare anche con i blocchi del traffico).

Motore ibrido benzina

Il motore ibrido benzina è composto da un’unità termica supportata da un propulsore elettrico. Può essere mild hybrid (ibrido leggero) o full hybrid (con un sostegno decisamente maggiore dell’unità a emissioni zero).

Consigliato a chi percorre molti chilometri in città, i vantaggi offerti dalla doppia alimentazione si attenuano alle velocità più elevate.

Motore ibrido diesel

Il motore ibrido diesel è un propulsore mild hybrid a gasolio composto da un’unità turbodiesel leggermente supportata dall’elettrico.

Consigliato a chi vuole sia un’auto ibrida che percorre molti chilometri in autostrada.

Motore ibrido plug-in benzina

Il motore ibrido plug-in benzina è un propulsore a benzina abbinato a un’unità elettrica che può percorrere (a patto di caricare la batteria attraverso una presa di corrente) diverse decine di chilometri a emissioni zero.

Consigliato a chi affronta spesso viaggi di circa 50 km e ha possibilità di caricare l’auto a casa.

Motore ibrido plug-in diesel

Il motore ibrido plug-in diesel è un propulsore turbodiesel abbinato a un’unità elettrica che può percorrere (a patto di ricaricare le batterie) diverse decine di chilometri a emissioni zero.

Consigliato a chi percorre molti km in autostrada ma ha la possibilità di ricaricare spesso la batteria.

Motore a metano

Il motore a metano consente di risparmiare dal benzinaio e di rispettare l’ambiente grazie a emissioni contenute. Un propulsore efficiente e sicuro alimentato da un carburante che viene immagazzinato nel serbatoio in forma gassosa e non liquida (in questo modo, in caso di fuoriuscita, si disperde molto velocemente senza pericoli di autocombustione).

Consigliato a chi ha un distributore di metano vicino casa.

Motore elettrico

Il motore elettrico garantisce zero emissioni di CO2 e bassi costi di gestione (a patto di usare spesso la ricarica domestica) ed è più economico da mantenere grazie alla presenza di meno parti mobili da preservare, può circolare in zone spesso vietate alle altre auto e riceve vantaggi fiscali. Esistono propulsori elettrici che vanno anche senza spina: le unità fuel cell, anziché essere alimentate dall’elettricità immagazzinata in una batteria, sfruttano quella prodotta dall’idrogeno attraverso una reazione chimica con l’ossigeno che avviene all’interno delle celle a combustibile. Rifornire il serbatoio richiede meno di cinque minuti, il problema è trovare un distributore.

Consigliato a chi ha a cuore l’ambiente e non ha problemi a trovare un posto dove fare “rifornimento”.

I motori a sei cilindri

I motori a sei cilindri sono sempre più in “via d’estinzione”. Sostituiti da unità con due pistoni in meno o dotati di moduli ibridi per contenere le emissioni, questi propulsori sembrano sempre più rari nel mondo delle auto sportive. Fortunatamente al giorno d’oggi ne esistono ancora alcuni in grado di emozionare.

Si possono selezionare alcuni modelli più potenti, limitandosi a un’auto per marchio e dovendo lasciar fuori tutti i modelli con un sistema elettrificato (es: Land Rover Defender P400 o Honda NSX). Anche il diesel può essere incluso, visto che si tratta di una tipologia di motori che può dire la sua in fatto di prestazioni.

I motori a quattro cilindri, caratteristiche

Un motore in linea a quattro cilindri (chiamato anche quattro cilindri in linea) è un motore a pistoni a quattro cilindri in cui i cilindri sono disposti in linea lungo un albero motore comune.

La stragrande maggioranza dei motori a quattro cilindri automobilistici utilizza un layout a quattro cilindri in linea (con l’eccezione dei motori piatti a quattro cilindri prodotti da Subaru e Porsche) e il layout è molto comune anche nelle motociclette e altri macchinari. Pertanto il termine “motore a quattro cilindri” è solitamente sinonimo di motore a quattro cilindri in linea.

Tra il 2005 e il 2008, la percentuale di veicoli nuovi venduti negli Stati Uniti con motori a quattro cilindri è passata dal 30% al 47%.

Ultima modifica: 18 Agosto 2022