Recupero punti patente: cos’è e come funziona

3045 0
3045 0

La patente a punti è una norma di sicurezza adottata per disincentivare i comportamenti a rischio durante la guida. Al conseguimento della patente, ogni guidatore ottiene 20 punti, che in assenza di comportamenti scorretti possono arrivare fino a 30. Esiste anche un sistema di recupero punti, nel caso in cui si perdano.

Certamente preoccuparsi della propria sicurezza e di quella degli altri è fondamentale, purtroppo capita spesso che si faccia poca attenzione ad alcune norme stradali, pensando magari di commettere un’infrazione minore, e in questo modo, si va incontro ad una perdita di punti patente più o meno grave che può portare molti fastidi nel caso in cui si dovesse arrivare a zero e si fosse costretti alla revisione della patente.

RECUPERO PUNTI: COME FUNZIONA

Se si tiene un comportamento esemplare al volante, ogni due anni a un guidatore che non abbia commesso violazioni vengono attribuiti 2 punti. Se non ne abbiamo persi in precedenza, in questo modo è possibile arrivare fino a 30. Nel caso in cui si fosse commessa in passato qualche violazione di poco conto, è possibile riguadagnare qualche punto perso.

Recuperare punti in questo modo non comporta nessun impegno particolare dal conducente, solo quello di rispettare con attenzione le norme stradali e guidare in maniera scrupolosa. Se la perdita dei punti è stata soltanto un errore occasionale, è possibile aspettare due anni per vedersi restituire i propri punti senza correre rischi. Questo sistema però comporta delle attese piuttosto lunghe se si sono persi molti punti, quindi è indicato maggiormente nel caso di infrazioni poco gravi e poco frequenti.

RECUPERO PUNTI TRAMITE SCUOLA GUIDA

Nel caso in cui si sia commessa un’infrazione più grave o piccole infrazioni ripetute nel tempo, ci si potrebbe trovare nella spiacevole situazione di avere pochi punti residui e rischiare di arrivare a zero e dover ripetere gli esami di pratica e teoria, con un grande dispendio di tempo.

Ovviamente la cosa migliore da fare sarebbe rispettare con attenzione le norme stradali. Se ormai il danno è stato fatto, è possibile recuperare 6 punti seguendo un corso presso enti autorizzati, di solito scuole guida. Con questo sistema è possibile tornare a 20 punti, ma arrivare oltre non è possibile e bisogna attendere almeno i canonici due anni. Solitamente non sono necessari esami al termine del corso, ma la frequenza è obbligatoria per dodici ore e il corso deve essere finito entro il limite di due settimane.

 

Ultima modifica: 21 Febbraio 2019