Quale è lo spessore minimo battistrada per revisione auto

12601 0
12601 0

Chi possiede un’auto con qualche anno di età, sa benissimo, che dopo i primi 5 anni dall’immatricolazione, ogni due anni è obbligatorio sottoporre la vettura a revisione per poter continuare a circolare. E tra le tante verifiche rigide e severe cui viene sottoposta l’auto bisogna considerare anche lo spessore minimo battistrada per revisione.

Spessore minimo battistrada per revisione, quando intervenire

Gli pneumatici sono una delle parti essenziali della vettura, il cui stato è indicativo del livello di sicurezza.
Devono essere in buono stato, non necessariamente nuovi, ma devono rispettare alcuni standard, indispensabili per superare la revisione sia in un’officina autorizzata, sia nelle officine Aci e della Motorizzazione Civile.

Per evitare spiacevoli sorprese, prima di avviare l’iter è meglio verificare da soli o con l’aiuto di un tecnico specializzato lo spessore minimo battistrada per revisione. Infatti, nel caso in cui non si dovesse superare la revisione è necessario ripetere questo esame entro un mese, per poter circolare di nuovo.
Secondo il codice della strada lo spessore minimo battistrada per revisione è fissato a 1,6 millimetri. Al di sotto di questo limite non è consentito circolare e bisogna sostituire immediatamente gli pneumatici.

Ma è una cifra che risponde a un requisito di sicurezza che le case produttrici di pneumatici non ritengono realmente sufficiente.  Secondo i produttori di gomme per auto è meglio procedere alla sostituzione degli pneumatici quando il livello del battistrada è a 3 millimetri.
E’ quello il limite entro il quale la vettura risponde correttamente, anche in condizioni di manto stradale difficile, ai comandi.

Come verificare lo spessore minimo battistrada per revisione

Per verificare lo spessore minimo battistrada per revisione sia corretto è sufficiente controllare la profondità dei solchi attraverso il Tread Wear Indicator, o TWI, quella barretta in rilievo che si può notare sul fondo delle scanalature.
Quando il livello del battistrada raggiunge quella tacca è meglio non presentarsi all’appuntamento con la revisione, se non dopo aver sostituito gli pneumatici.

E non sarà sufficiente che lo spessore minimo battistrada per revisione sia di poco superiore a quell’indicatore, perché in officina, al momento della revisione, il controllo sugli pneumatici avviene in almeno tre punti diversi, proprio per saggiare il diverso consumo di battistrada, che non è poi il solo elemento della gomma da verificare. I controlli interessano anche la spalla, il fianco dello pneumatico.
Non devono essere presenti crepe, rigonfiamenti, screpolature o tagli che possano compromettere la tenuta delle gomme.
Il controllo non avviene soltanto sulla superficie laterale esterna, ma anche in quella interna della ruota, dove speso si nascondono i pericoli maggiori e meno evidenti.

 

Ultima modifica: 12 Giugno 2019