Noleggio a lungo termine privato: conviene davvero?

3746 0
3746 0

Se ne parla sempre più spesso, e pertanto sembrerebbe proprio che il noleggio a lungo termine privato stia prendendo piede. D’altro canto, se si vuole tracciare un’analisi costi e benefici del noleggio a lungo termine, i vantaggi che emergono sono parecchi e tutti con risvolti economici da non sottovalutare.

Noleggio a lungo termine privato: conviene?

Certo, analizzando meramente i costi si potrebbe pensare che il noleggio a lungo termine privato sia più costoso rispetto al possesso – dunque all’acquisto di un veicolo – ma non è sempre così. In altre parole, non ci si dovrebbe mai limitare a compare il canone mensile di un noleggio a lungo termine con la rata mensile di acquisto di un’auto nuova.

Nel canone di noleggio, infatti, sono comprese moltissime voci che nella rata non ci sono e mai ci saranno, per natura stessa del contratto. Pertanto, prima di affermare che il noleggio a lungo termine privato sia inutilmente costoso, meglio sedersi a tavolino e mettere giù un po’ di numeri.

Dai risultati ottenuti si potrebbe infatti rimanere molto, ma molto sorpresi. Ma prima di vedere i costi, i vantaggi, gli svantaggi e le opportunità del noleggio a lungo termine per privati, partiamo da un’altra considerazione. Siamo – inutile negarlo – in un’era in cui l’ambiente inizia ad assumere un peso molto rilevante nella agenda e nelle scelte politiche. Potrebbe essere l’effetto Greta, o semplicemente una presa di coscienza collettiva, ma certamente l’ambiente inciderà sempre di più nei programmi locali, regionali, nazionali e internazionali.

In questo senso, un ruolo rilevante – in negativo – è assegnato alla mobilità. Se non sono sostenibili, le auto si fermano. Gli esempi di queste scelte politiche sono tantissimi e sono arrivati anche in Italia (si pensi a Milano, dove le auto Euro 4 – e naturalmente quelle di classe ambientale inferiore – nell’area B, sono state bandite). Davvero vale la pena acquistare un’auto nuova?

Noleggio a lungo termine privato e mobilità sostenibile

La mobilità sostenibile, si diceva, sta assumendo un ruolo centrale nelle politiche europee. Se prima di ambiente e di sua tutela prima si parlava e basta, ora le azione da fare sono scritte e meritano una risposta concreta.

È stato scritto che le auto inquinano, che il parco circolante a livello italiano è molto vecchio e pertanto le città e i comuni si mettono in prima linea per risolvere la questione. Che piaccia o no , a molte auto è preclusa la circolazione, per lo meno in determinate aree – ma a Milano, di fatto, l’area è enorme – o per lo meno a determinati orari (cioè tutto il giorno tranne di notte).

Chi ha auto Euro 4 (e antecedenti) ha poco da stare allegro: di fatto, non si circola più. Ha dunque senso acquistare un’auto nell’ottica del lungo periodo? Crediamo davvero che ancora si potranno tenere auto per interi decenni. La risposta è no : si deve optare per scelte sostenibili. Via libera quindi alle auto elettriche, alle auto ibride, e, anche, via libera a una vita auto free.

Ma privarsi dell’auto – nonostante gli altri mezzi in circolazione – non è possibile per tutti. Quindi, per chi la macchina la usa e per chi non può ridurre gli spostamenti alle auto in condivisione, resta la scelta delle auto a noleggio. Che sia di lungo termine, però.

Che parlino i numeri

Partiamo da un numero inconfutabile: sono oltre 40mila gli italiani che hanno già scelto di rinunciare all’auto di proprietà per affidarsi al noleggio al noleggio lungo termine privato. Dunque continua a crescere il numero di automobilisti che sceglie di avvicinandosi a nuove forme di utilizzo dei veicoli.

C’è chi sceglie la condivisione – dunque il car sharing oppure il noleggio a breve – c’è chi invece sceglie il nolo a lungo termine, dunque l’utilizzo dell’auto per un periodo di tempo che può arrivare fino a 40 mesi – o di più, si ragiona caso per caso – a fronte di un costo fisso e predeterminato. Le statistiche dicono che questa pletora di seguaci del noleggio a lungo termine dovrebbe arrivare, entro fine anno, a quota 50.000.

Noleggio a lungo termine privato, vantaggi

Dallo spaccato sui trend emergenti in atto – dunque il noleggio a lungo termine rivolto anche ai privati e non più solo ad esclusivo appannaggio delle aziende – si rilevano quindi nuovi scenari di mobilità sempre che sono sempre più proiettati verso l’uso del bene auto.

D’altro canto, il noleggio a lungo termine mostra efficacia ed economicità anche per coloro che sono privi di partita IVA: l’utente ideale è colui che percorre tra i 10 e i 25.000 km ogni anno. Per percorrenze inferiori sono invece in auge il car sharing per gli spostamenti lampo in città, oppure il noleggio a breve termine per gli spostamenti più lunghi, magari nel fine settimana.

A determinare i vantaggi della formula noleggio a lungo termine sono principalmente il costo fisso e i pacchetti ‘all inclusive’, senza contare altri vantaggi, uno su tutti l’immobilizzazione del capitale per l’acquisto di un’auto. Anche perché, per l’effetto Greta di cui si diceva, diventa sempre più complicato optare per l’acquisto di auto usate, dunque con motorizzazioni vecchie: il rischio è di non poter circolare nel breve periodo.

Trasparenza al primo posto 

Preventivi chiari, costi certi, certezza di quello che si sta noleggiando, addio a spese impreviste e improvvise. Chi opta per il noleggio lungo termine privato sa infatti che nel canone mensile che va a pagare sono contemplate tutte, ma proprio tutte, le spese – o meglio i costi fissi – legate al veicolo.

Sono infatti incluse la manutenzione, l’assicurazione, i tagliandi, i bolli. Anche la burocrazia, dunque, viene snellita di parecchio: non occorre più correre a rifare il bollo, a rinnovare la polizza e altre mansioni obbligatorie nel momento in cui si possiede l’automobile.

 

Ultima modifica: 2 Ottobre 2019