Lunotto auto, quando è il momento di cambiarlo

2289 0
2289 0

Supponendo che il parabrezza o il lunotto della vostra beneamata auto si sia scheggiato o incrinato, si impone subito una domanda: lo faccio riparare o lo sostituisco?
Ecco alcuni consigli su come regolarvi in questa spiacevole circostanza e su quanto costano le alternative.

Tipologie danni del lunotto auto

Di solito un’incrinatura o una semplice scheggiatura del parabrezza del lunotto auto posteriore sono causati da piccoli oggetti che collidono ad alta velocità col cristallo. Come è facile capire, per lo più si tratterà di brecciolino alzato dalle altre vetture su strade bianche di campagna o di altri detriti che non è raro trovare neppure nei percorsi cittadini.

A volte, invece, il danno dipende da un cambio troppo repentino di temperatura: può accadere, per esempio, quando d’inverno si getta contro il vetro dell’acqua bollente per sbrinarlo (sbagliatissimo: sempre acqua tiepida, ricordate).

Nel momento in cui vi rendete conto che il parabrezza o il lunotto auto si sono scheggiati o incrinati, è bene che vi rechiate subito in un’officina specializzata. Il punto è che spesso se non si agisce con rapidità il danno può aggravarsi, il che può mettere a rischio l’incolumità vostra e dei vostri passeggeri.

Riparazione o sostituzione

Come capire se il parabrezza o il lunotto auto scheggiati si possono riparare? La prima operazione da fare è alquanto elementare: valutare l’ampiezza del danno. Se la parte scheggiata o incrinata non è più grande di una moneta da due euro, se non è collocata a meno di cinque centimetri dal bordo del parabrezza o del lunotto auto, se non ostruisce la visuale del guidatore (nel caso del parabrezza, ovvio), allora conviene farla riparare. Se non ricorrono queste condizioni, invece, è meglio optare per la sostituzione dell’intero vetro.

Riguardo al costo, va ricordato che nel caso della riparazione ci sono polizze assicurative per i cristalli che di solito coprono per intero l’operazione, mentre nel caso della sostituzione, il rimborso è solo parziale (dipende dai massimali).
Di solito la riparazione costa tra i 60 e i 90 euro. Se invece bisogna cambiare tutto il cristallo, perché ad esempio il danno è troppo vicino alla guarnizione, allora il costo dipende in molta parte dalla marca e dal modello di auto. Si può svariare da un minimo di trecento euro, che già non sono pochi, fino a un massimo di mille, che sono una bella botta.
Giova rammentare che nel caso il danno colpisca un vetro laterale, di solito la sostituzione è pressoché obbligatoria.

Ultima modifica: 23 Maggio 2019