Freno a mano ghiacciato: come sbloccarlo in sicurezza

8375 0
8375 0

Avere il freno a mano ghiacciato potrebbe essere un bel problema specialmente se non si mettono in atto le manovre corrette.

La presenza di ghiaccio nel freno a mano è un problema non da poco quando si ha la necessità di muoversi con il proprio mezzo ma si è, in pratica, impossibiliti. E’ possibile mettere in atto delle manovre per risolvere il problema. Ma giocare sulla prevenzione potrebbe rivelarsi anche importante e potrebbe preservare da un problema comune a chi abita in zone fredde.

Smuovere il ghiaccio

La prima cosa da pensare quando si è innanzi ad un freno a mano ghiacciato è quella di smuovere il ghiaccio. Più che altro bisogna andare alla radice del problema.

Come prima cosa da fare bisogna dare un’occhiata alle pinze dei freni e accertarsi quali di queste presenti uno strato di ghiaccio. In questo caso, con molta cautela, si può picchiettare leggermente con un grosso cacciavite o con un altro attrezzo allo scopo di rompere il ghiaccio.

Bisogna procedere con molta cautela. Se non si è sicuri è meglio evitare questa manovra, il rischio di arrecare qualche danno ai freni è dietro l’angolo. Anche se questo tipo di manovra è abbastanza semplice ma nello stesso tempo efficace se lo strato si presenta sottile.

In caso di resistenza meglio pensare a qualche altro tipo di soluzione, come quella di provocarne lo scioglimento.

Sciogliere il ghiaccio

Tentare di far sciogliere il ghiaccio che blocca il freno a mano si può rivelare in molti casi una manovra vincente e per nulla rischiosa. L’operazione può essere messa in atto in svariate modalità.

Innanzitutto la maniera più classica di far sciogliere il ghiaccio è quella di avviare il mezzo e attenderne il riscaldamento. Il calore generato dal motore provocherà un riscaldamento generale delle parti che a esso sono collegate. Dopo qualche minuto, il ghiaccio presente nell’impianto frenante si scioglierà riportando tutto alla normalità.

Ma questa manovra risulta efficace se lo strato di ghiaccio è sottile. In caso contrario bisogna approntare qualche altra manovra ‘d’urto’.

Come prima cosa occorre dotarsi di una fonte di calore, come ad esempio un phon casalingo o un ventilatore ad aria calda. Una volta rintracciate le formazioni di ghiaccio più persistenti occorre puntarvi la fonte di calore e attendere che lo strato di ghiaccio si sciolga, facendo ritornare tutto alla normalità.

A lungo andare il ghiaccio che blocca il freno a mano può portare qualche danno. Quello che è consigliabile è mettere in atto delle manovre preventive per evitare che questo accada.

Innanzitutto nei periodi molto freddi è consigliabile, nei limiti del possibile, ricoverare il proprio mezzo al chiuso, un garage privato o pubblico possono essere una soluzione.

Coprire la propria auto con un telo durante la notte o durante le ghiacciate non si rivela una mossa errata. La temperatura che si crea sotto al telo è più elevata di quella esterna e potrebbe evitare che le formazioni di ghiaccio.

In generale avviare l’auto e tenerla accesa almeno 10 minuti prima di muoversi è sempre consigliabile durante le stagioni fredde. Oltre al problema che può generare la presenza di ghiaccio sul freno a mano, far riscaldare al meglio tutte le parti dell’auto prima di iniziare il proprio percorso le permette di funzionare in maniera ottimale.

Una delle conseguenze più frequenti delle ripetute ghiacciate dell’impianto frenante è il rovinarsi del cavo del freno a mano.

Sostituire il cavo difettoso

Un cavo del freno a mano diventato difettoso a causa della continua presenza di ghiaccio deve essere sostituito per non andare incontro all’ulteriore problema del blocco dell’impianto frenante.

Può capitare che, nonostante non ci sia ghiaccio presente il freno a mano non si sblocchi. In questo caso la prima cosa da fare è tentare di ‘giocare’ con la leva e nel giro di qualche minuto il problema si risolve.

Ma la prima cosa da pensare in questo caso è far controllare lo stato del cavo e provvedere alla sua sostituzione immediata. Si tratta di un’operazione che non è possibile fare da soli. Occorrono le mani e l’attrezzatura di un professionista. La spesa che si deve affrontare si aggira intorno alle 100,00 euro. Può variare a seconda del modello di auto posseduta.

Sostituire un cavo difettoso mette al riparo da un’altra conseguenza probabile. Quella della rottura del cavo stesso e del conseguente non funzionamento del freno di stazionamento.

Caso ben diverso si ha quando il freno a meno è gestito dal sistema elettronico. In questo caso occorre recarsi presso una qualche officina autorizzata dalla casa automobilistica per la risoluzione di un eventuale problema.

Consigli

Come descritto sopra puntare sulla prevenzione non è mai una manovra errata. Potrebbe evitare qualche problema successivo di costosa risoluzione. In questo senso scegliere, per quanto possibile, un ricovero notturno ottimale per il proprio veicolo dà una grossa mano in generale.

Nel caso specifico del ghiaccio sull’impianto frenante, un’auto che passa la notte al chiuso sarà quasi totalmente non interessata da questo problema. Ma si capisce che un garage, privato o pubblico non è sempre a portata di mano.

Un altro consiglio è tentare di utilizzare l’auto ogni giorno. Il riscaldamento e il funzionamento continuo di tutte le parti del veicolo garantiranno la salvaguardia da problemi futuri. Questi problemi possono interessare svariate parti del mezzo.

Nel caso specifico della presenza di ghiaccio nell’impianto frenante è bene valutare attentamente la situazione. Meglio non approntare manovre fai da te troppo azzardate. Se si nota che lo strato di ghiaccio è troppo spesso la migliore soluzione può essere questa. Un’azione combinata data dall’avvio del motore e dallo scioglimento dello strato attraverso una fonte di calore esterna. Così come descritto sopra.

Meglio non insistere se il problema non viene risolto nel giro di qualche minuto. Attendere, a motore acceso, che il sistema torni a funzionare nella sua normalità. Il rischio di surriscaldamento eccessivo di parti non interessate, come le pastiglie dei freni, è dietro l’angolo.

In ogni caso è meglio evitare che il problema si presenti in maniera troppo frequente. Si consiglia di chiedere sempre consiglio ad un esperto su cosa fare nel caso in cui accada spesso.

Ultima modifica: 29 Gennaio 2018