Cosa fare quando l’auto si ferma in galleria

361 0
361 0

Non è mai bello quando l’auto si ferma, ma ci sono delle situazioni che sono più disgraziate di altre. Tra gli esempi di queste situazioni al limite, c’è di sicuro quella dell’auto che si ferma in galleria. I motivi per cui l’auto si può fermare in galleria possono essere i più svariati. Per esempio per carenza di carburante: il diesel o la benzina stanno per finire, l’automobilista è distratto e poco concentrato sulla questione rifornimento, e la benzina finisce, lasciando chi guida (e anche l’equipaggio) non solo nel più grande sconforto, ma anche in una difficoltà oggettiva. Perché il galleria ci sono almeno tre ordini di problemi: non è facile accostarsi, il telefono potrebbe non prendere, segnalare la necessità di aiuto potrebbe essere molto complicato. Ma possono essere anche altri motivi per cui l’auto si può fermare in galleria: per esempio, se si guida una auto elettrica, e si finisce l’autonomia, si resta fermi, con le stesse difficoltà già elencate poc’anzi.

In ogni caso, tutte le volte che si può evitare di fermarsi in galleria, è bene farlo: perché un’auto ferma in galleria è pericolosa per tutti gli utenti della strada.

A volte è una questione di traffico

Quanto abbiamo descritto fino ad ora sono situazioni che riguardano i problemi di un singolo automobilista, il quale per qualsiasi ragione rimane in panne arrecando problemi anche ad altri automobilisti. Poi ci sono delle situazioni in cui l’auto è ferma in galleria per una ragione che coinvolge tutti, ed è il traffico. In questi casi, il cliché è sempre lo stesso: il traffico inizia a rallentare, finché – in prossimità della galleria – si crea l’imbuto. In queste situazioni, la prima cosa da fare è rallentare.

Sembra banale, ma così banale non è: sono molti gli automobilisti che, quando intravedono una situazione di traffico, tentano l’impossibile, cantano sorpassi che definire azzardati è un ossimoro: pensano di recuperare il tempo che potrebbero perdere in caso di ingorgo, ma naturalmente si tratta di un’utopia. Quindi, nel caso in cui si noti un aumento del traffico in prossimità di una galleria, la prima cosa da fare è accrescere il livello di attenzione: il rischio è infatti quello di ritrovarsi coinvolti in un tamponamento a catena. Una volta in galleria, quando tutti si sarà incolonnati in attesa che la questione si sblocchi, ci sono una serie di comportamenti che è bene mantenere. Si tratta per lo più di comportamenti di buon senso, ma è sempre bene riprenderli onde evitare equivoci. Vediamo nel dettaglio.

Che cosa non fare quando si è fermi in galleria

Rimanere incolonnati in galleria non è divertente per nessuno, ma ci sono delle categorie che soffrono di più. Per esempio i bambini, che spesso sono irrequieti quando viaggiano per tante ore in auto e il loro desiderio di scendere e finalmente correre e saltare non è facile da contenere. In questi casi, ancor di più che in altri, è bene intrattenerli e cercare di fare un gioco: probabilmente il tempo che si dovrà trascorrere incolonnanti non sarà poco, meglio agevolare il correre delle ore.

Importantissimo anche assicurarsi che gli sportelli dei bambini siano chiusi: meglio evitare qualsiasi gesto imprevedibile. Ed è bene anche assicurarsi che siano chiusi e governati dagli adulti i finestrini: quando ci si trova in galleria è bene non aprirli, onde evitare di essere invasi da un’onda di polveri sottili con altissima concentrazione. A tal proposito, un’altra categoria che soffre in modo particolare il disagio di restare in galleria è quella dei claustrofobici: il desiderio di respirare, di non restare chiusi può portare a gesti pericolosi, tipo abbassare il finestrino, oppure, ancor peggio, uscire dall’auto. Quando si è in coda il galleria, però, non si dovrebbe mai uscire e girovagare: è pericoloso! A meno che non siano le forze dell’ordine a coordinare un processo di evacuazione.

Alcune regole di buon senso

Dunque, ricapitolando. Quando ci si trova in galleria, cercare sempre di evitare qualsiasi tipo di fermata: meglio cercare di uscire e poi trovare un’area sicura in cui fare un’eventuale sosta. Se proprio non ci sono alternative, fermarsi in sicurezza: segnalare la presenza dell’auto ferma con tutti i modi possibili: in prima linea devono esserci le 4 frecce accese, nel caso di gusto il triangolo. Ma per posizionarlo, indossare il giubbino omologato, cercando di evitare ogni rischio.

Se, invece, ci si ferma in galleria per cause di forza maggiore, meglio non aprire i finestrini e non scendere dall’auto. Altra accortezza che non deve mai essere trascurata è quella di spegnere il motore. E questo per almeno due motivi. Il primo, riguarda il rispetto di tutti. Se tutti gli utenti spengono i motori, di sicuro diminuiscono i rischi per tutti e l’aria risulta un po’ più respirabile. Il secondo motivo, invece, è personale e strategico: se non si spegne il motore, si consuma carburante. E un consumo eccessivo, se non si ha il pieno, può essere rischioso davvero, perché si potrebbe rimanere senza benzina. Peggiorando e prolungando ulteriormente la sosta in galleria.

Ultima modifica: 14 aprile 2021