Come andare in moto in autostrada

2469 0
2469 0

Andare in moto è una passione e non soltanto un’esigenza di viaggio. Senza alcun dubbio, usare la moto in autostrada ha i suoi vantaggi ma può essere anche spiacevole in quanto si è più esposti alle intemperie, in primis il vento contro che a certe velocità e su lunghe percorrenze può dare noia.

Cosa non fare in moto

Quindi se il vento contro può dar fastidio, ci si può “sdraiare” sul serbatoio! E per controllare chi viene dietro, si possono usare gli specchietti. Alzare la testa e girarsi a velocità di autostrada può far venire il torcicollo e, al momento in cui si fa il movimento, fa anche piuttosto male!

Ma quello che più conta ed è più importante, riguarda non il comfort, bensì la sicurezza di guida. A tal ultimo proposito, si precisa che si vedono troppo spesso motociclisti che, in autostrada, fanno lo zig zag tra le auto tra la corsia di marcia normale e quella di sorpasso, poiché hanno un mezzo meno ingombrante di altri mezzi a 4 o più ruote. Per non citare i sorpassi sulla sinistra di auto nella corsia di sorpasso!

Ovviamente, queste pratiche sono altamente pericolose e questo perché spesso per zigzagare con la moto, il motociclista si accosta troppo alle auto in marcia e queste ultime sono così costrette a frenare un po’, per rispettare la distanza di sicurezza. Ma se l’automobilista anziché frenare, si trova proprio sul punto di accelerare per superare più in fretta l’auto davanti a lui alla sua destra? È difficile che succeda ma è anche vero che può essere ugualmente difficile calcolare bene la velocità dei due veicoli, così, in tal caso, l’auto che si sta superando sulla destra, potrebbe finire proprio per tamponare la moto!

Si può fare anche il caso in cui l’automobilista sia distratto e non tocchi i freni e proceda indisturbato nella sua marcia. Per il motociclista, sorpassare a sinistra sulla corsia di sorpasso è estremamente pericoloso perché l’automobilista non si aspetta minimamente che qualcuno lo possa sorpassare e si sente autorizzato anche a spostarsi liberamente persino un pochino a sinistra per sua maggior sicurezza. Ma così facendo, potrebbe schiacciare la moto contro il muretto o alle piante che dividono i sensi di marcia in autostrada.

Regole di prudenza 

Se si guida la moto in autostrada, bisogna cercare di avere una distanza di sicurezza maggiore rispetto a quella che si potrebbe tenere in macchina perché è importante ricordare che la moto per frenare esercita tutta la sua forza su 2 ruote e non su 4. In quest’ottica, è di tutta evidenza che a parità di velocità l’attrito a terra è minore di quello di un’auto. Inoltre in una frenata brusca in auto si deve premere un solo pedale, che magari è aiutato pure dall’ABS, in moto invece bisogna saper dosare bene i freni e ricordare che, salvo pochi modelli più avanzati tecnologicamente, l’ABS in genere non c’è.

Sempre a causa di frenate violente è consigliabile viaggiare sulla corsia di destra vicino alla linea continua che indica la corsia di emergenza. In caso di frenata improvvisa, si potrà sempre usare la corsia di emergenza nel caso che non si riesca a frenare in tempo. Non si dovrebbe fare, ma sempre meglio che tamponare e ritrovarsi in terra…

Quando invece c’è la fila di auto ferme in autostrada, sarebbe meglio se le moto o gli scooter viaggiassero nella corsia di emergenza. È vero che non si può, secondo quanto prescrive il codice della strada, ma in casi di autostrada congestionata, le auto scorrazzano passando da una corsia di marcia all’altra sperando che, secondo discutibili previsioni, la corsia accanto possa essere più libera e con traffico più scorrevole.

Nel compiere queste manovre piuttosto velocemente, gli automobilisti dimenticano che tra le colonne di auto possono passare anche dei motocicli e che si può finire per avere degli incidenti con questi mezzi più esposti al pericolo, perché viaggiano su due ruote. La corsia di emergenza, invece, dovrebbe essere più libera e più sicura in caso di lunghe colonne di traffico. Se dovesse passare un veicolo d’emergenza, appunto, la moto può sempre rientrare nelle corsie di scorrimento senza particolari problemi dato che si tratta di mezzo piccolo e agile. Ne discende che in autostrada, col traffico, se una moto viaggia in corsia di emergenza, non ostacola i soccorsi a nessuno!!

Consigli finali su come andare in moto in autostrada

Da ultimo, si raccomanda di fare attenzione quando, alla guida di una moto, ci si trova in prossimità di caselli autostradali e di zone di sosta! Le auto potrebbero svoltare a destra senza guardare e senza freccia perché tanto pensano che non passi nessuno.

Quando ci sono lavori che impongono ai veicoli di marciare in una corsia unica? In tal caso, la soluzione migliore prevede di posizionarsi al centro della corsia in modo tale che a nessuno possa venir la voglia di affiancarsi e ridurre lo spazio di guida.

Attenzione anche alle condizioni dell’asfalto! Con la moto si sentono molto di più le imperfezioni del terreno e anche i tiranti dei ponti per quanto possa essere assurdo: in caso di dislivello si potrebbe fare un piccolo salto in sella. In questi casi, bisogna fare attenzione a non viaggiare con una sola mano o appena appoggiati al manubrio, perché si potrebbe “atterrare” con l’anteriore leggermente spostato e perdere, nel migliore dei casi, il controllo del mezzo.

Bisogna prevenire tutti questi pericoli, rimanendo ben aggrappati alla moto e rispettando i limiti di velocità. Andando più moderati, come sempre, si avrà maggior controllo. Se proprio si vuol fare una “tiratina” a tutta velocità con la moto, meglio farla in condizioni di autostrada semideserta e stando sulla corsia centrale in modo da avere più margine da ambo i lati per correggere eventuali errori.

Un suggerimento valido anche per automobilisti: coloro che non hanno il Telepass si avvantaggino preparano biglietto e soldi per pagare mentre sono fermi in fila al casello, per non creare ingorghi.

Ultima modifica: 8 Agosto 2022